La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 21 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Rifiuti: il cuneese tra le zone che ne producono (e differenziano) di più

Almeno rispetto al Piemonte, la provincia di Cuneo è quella che produce il maggior numero di kg per abitante (529), differenziandone 374, ovvero il 70%

La Guida - Rifiuti: il cuneese tra le zone che ne producono (e differenziano) di più

Cuneo – Nel nord Italia, la provincia di Cuneo una delle zone che produce più rifiuti in rapporto al numero di abitanti: 529.27 kg per cittadino (dati ISPRA riferiti al 2021). Peggio dei cuneesi solo la Valle d’Aosta (con pochissimi abitanti) con 601 kg/abitante, la provincia di Savona e Imperia (entrambe con più di 590 kg/abitante) e le zone di Rovigo e Venezia (sui 560 kg/ab).

La Granda in totale produce 307.393 tonnellate di rifiuti urbani. I Comuni che producono più rifiuti sono Cherasco (753 kg per abitante, 7.134 tonnellate in totale), Ostana (78 tonnellate, 829 kg/abitante), Sampeyre (783  tonnellate, 801 kg per abitante), Frassino (221 tonnellate, 844 kg/abitante), Garessio (2729 tonnellate, 949 kg per abitante).

La raccolta differenziata consente di smaltire in modo più efficace 217 mila 312 tonnellate di essi. La percentuale di differenziazione è quindi del 70.7%. In questo dato, Cuneo è una delle province più virtuose insieme a Novara e Vco. Per abitante, si differenziano 374 kg.

Per Comune, tra chi differenzia di più si trovano Bra (89%), Marene e Farigliano (86%), Monforte d’Alba (83%), Dronero (80%).

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente