La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 16 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Siccità, solo Pietraporzio ancora in crisi idrica

Le piogge di maggio hanno praticamente azzerato l'emergenza, in tutta la Provincia l'allarme rimane solo nel piccolo comune dell'alta Valle Stura

La Guida - Siccità, solo Pietraporzio ancora in crisi idrica

Cuneo – 215 cm di pioggia a maggio, un surplus di precipitazioni dell’80% rispetto alla media del mese e che ha permesso di avvicinare l’accumulo da inizio anno a valori normali, nonostante non avesse quasi piovuto da gennaio ad aprile.
Sono i dati raccolti nell’ultimo mese e che vedono regolarizzare l’emergenza siccità in provincia di Cuneo, il territorio gestito e coordinato dall’Ato4 Cuneese, dove è rimasto solamente un Comune su 247 in crisi idrica di “livello 3”, dove 1 è l’allarme più acuto e 4 dove l’attenzione è ordinaria: è Pietraporzio, in alta Valle Stura.
Una situazione di approvvigionamento idrico che sta migliorando, rispetto alle previsioni di inizio anno, ma che impone ad amministratori comunali e ai gestori di acquedotti e reti di approvigionamento di continuare a lavorare per rendere più efficiente la distribuzione su tutta la provincia e per evitare sempre più sprechi e usi impropri di acqua potabile.
“Il fatto di aver quasi colmato il gap di precipitazioni del 2023 rispetto alle medie storiche – dice il presidente dell’Ato4 Cuneese Mauro Calderoni – è senz’altro una buona notizia, ma questo non deve farci rilassare. Le modalità delle precipitazioni sono cambiate, ad esempio con episodi sempre più frequenti delle cosiddette bombe d’acqua o di grandinate distruttive. Quindi dobbiamo continuare a studiare modi innovativi, sostenibili ed efficienti per raccogliere l’acqua in modo da poterla utilizzare e distribuire nelle lunghe siccità, come quella che pare ci siamo lasciati alle spalle. Il dialogo dei tecnici dell’Ato 4 Cuneese con i gestori del servizio idrico è costante, proficuo ed è quello che ha evitato fino ad oggi misure drastiche come il razionamento”.

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente