La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 24 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Si esportano pesticidi che poi ci ritroviamo nel piatto

Il trattato Ue-Mercosur rischia di aprire le porte a prodotti che utilizzano pesticidi non autorizzati da noi

La Guida - Si esportano pesticidi che poi ci ritroviamo nel piatto

Cuneo – Coldiretti chiede che sia sempre ribadito il principio di reciprocità negli accordi commerciali e giudica sbagliato e inaccettabile il trattato Ue-Mercosur con il Sudamerica, che rischia di aprire le porte a prodotti che utilizzano più di 200 pesticidi non autorizzati da noi e ad aumentare la deforestazione e l’inquinamento, mettendo in ginocchio le imprese agricole europee.

Il valore dei prodotti che hanno origine nei confini dell’area Mercosur copre il 21% delle importazioni agroalimentari europee ed è soggetto a un sistema di tariffe e contingenti che allo stato attuale fa da parziale freno alle importazioni. Allo stesso modo i Paesi dell’area hanno adottato misure analoghe verso l’Ue relativamente ai prodotti a più alta intensità di tecnologia e capitali, come macchinari e prodotti chimici. 

L’accordo Ue-Mercosur nella sua attuale proposizione dovrebbe abbattere i sistemi tariffari da entrambe le parti e promuovere da un lato le importazioni europee di prodotti agricoli e zootecnici dall’area Mercosur e dall’altro favorire le esportazioni europee di manifattura e chimica. Con il paradossale risultato di esportare verso questi Paesi più prodotti vietati nell’Ue di quanto già si faccia oggi, per poi reimportarli, in qualità crescenti, nel nostro piatto. Il commercio di prodotti chimici tra l’Ue e il Mercosur vale attualmente 6,3 miliardi di euro all’anno. L’accordo di libero scambio Ue-Mercosur mira a eliminare oltre il 90% delle tariffe esistenti sui prodotti chimici, alcune delle quali raggiungono il 18% in valore. L’industria chimica europea, favorevole all’accordo, è fortemente coinvolta. In particolare per la parte di chimica rivolta all’agricoltura. 

L’Argentina, ad esempio, risulta tra i Paesi con uso più intensivo di pesticidi a livello mondiale, con circa 240.000 tonnellate di glyphosate utilizzate nel solo 2018, in particolare per la produzione di soia.

Sulla sponda opposta potrebbero ridursi sostanzialmente i dazi per l’ingresso nel territorio europeo, stimolando l’incremento delle importazioni dall’intera area Mercosur che dovrebbe accompagnare una riduzione significativa dell’offerta agricola europea. Più pesticidi esportati e più pesticidi reimportati sulle nostre tavole. Il 70% delle mele importate dal Brasile contiene residui di pesticidi vietati nell’Ue e sono 13 le sostanze diserbanti ritrovate nei campioni analizzati, il cui uso è vietato nell’Ue perché considerate rischiose per la salute umana e l’ambiente.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente