La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 24 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Acquista un macchina fotografica on line, ma è una truffa

Dopo averla pagata con una ricarica su carta postepay non le fu mai spedita, il telefono della trattativa intestato a un defunto

La Guida - Acquista un macchina fotografica on line, ma è una truffa

Cuneo – Aveva trovato sul sito hikishop una macchina fotografica Nikon a 350 euro e dopo averla pagata con una ricarica su carta postepay non le fu mai spedita.
Con l’accusa di truffa è stato rinviato a giudizio B.S. il 41enne bresciano intestatario della carta postepay su cui vennero versati i soldi. Delle lunghe e articolate indagini per arrivare alla corretta identificazione dell’imputato si è incaricato l’assistente capo della Polizia Postale che ha riferito al giudice del tribunale di Cuneo dove è in corso il processo. Sulla carta attivata pochi mesi prima della truffa avvenuta a inizio gennaio del 2020, i soldi erano stati depositati la mattina alle 9.30 e dopo un’ora erano stati prelevati, “ci facemmo dare le immagini della telecamera di sorveglianza dello sportello bancomat di Brescia dove venne eseguito il prelievo – ha riferito in aula l’agente della Questura – ma l’uomo non somigliava all’intestatario della carta. Era più robusto e con le labbra più carnose dell’intestatario della carta postepay”.
Alla fine di gennaio quella carta venne bloccata proprio dalle Poste per l’utilizzo irregolare. Dalle altre indagini risultò che all’acquirente erano stati forniti tre numeri di telefono per lo svolgimento della trattativa. Tutte le sim risultavano intestate a cittadini stranieri sconosciuti alla banca dati dell’anagrafe. Dalle indagini sull’annuncio che era stato pubblicato sul sito emerse che l’indirizzo IP utilizzato era riferito al telefono cellulare di un uomo di Mantova che era deceduto alcuni mesi prima della truffa; un telefono che era chiaramente in uso a qualcun altro ma che era stato utilizzato solo per la connessione dati e non per messaggi o telefonate e quindi non fu possibile risalire all’utilizzatore, di cui si sapeva solo che si era agganciato ad una cella telefonica di Brescia, luogo di residenza dell’imputato che non risulta avesse denunciato lo smarrimento o il furto né della carta d’identità né della carta postepay.
All’udienza del 25 settembre verrà ascoltata la parte offesa.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente