La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 15 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Morì cadendo da una scarpata in città, assolto tecnico comunale

Il fatto si era verificato nel marzo 2019 vicino agli Ex Lavatoi, vittima un 47enne: il Comune fu chiamato in causa dai familiari

La Guida - Morì cadendo da una scarpata in città, assolto tecnico comunale

Cuneo – Si è concluso con un’assoluzione con formula piena il processo per la morte di Marco Menardi, il decoratore 47enne che la notte del 10 marzo 2019, mentre si recava agli Ex Lavatoi per trascorrere la serata con alcuni amici, si era allontanato un attimo dirigendosi verso il marciapiede e da qui scivolò giù dalla scarpata per circa quattro metri. Venne ritrovato, ormai quasi esanime, solo molto tempo dopo da alcuni ragazzi che passavano in via Marconi e che chiamarono subito i soccorsi. A seguito delle indagini la Procura presso il Tribunale aprì un fascicolo a carico dell’ufficio tecnico del Comune di Cuneo per omicidio colposo. Stando alla denuncia dei familiari non sarebbero stati apposti divisori tra marciapiede e aiuola tali da evitare possibili inciampi. A conclusione delle indagini il pubblico ministero aveva chiesto l’archiviazione; la famiglia della vittima, poi risarcita dal Comune, si era opposta all’archiviazione e il gip aveva disposto l’imputazione coattiva. Nel corso dell’udienza preliminare di pochi giorni fa però il giudice dell’udienza preliminare Sabrina Nocente ha accolto la tesi difensiva dell’avvocato Alessandro Ferrero che ha sottolineato come nella normativa relativa alla separazione tra marciapiede e carreggiata non esistano disposizioni su elementi divisori tra marciapiede e aiuole e ha quindi assolto con formula piena il responsabile dell’ufficio tecnico del Comune.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente