La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 24 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Peste suina africana, un gruppo di lavoro dedicato in Provincia

Per lavorare insieme agli altri enti coinvolti e per cercare di dare risposte, in particolare al mondo agricolo e allevatoriale

La Guida - Peste suina africana, un gruppo di lavoro dedicato in Provincia

Cuneo – La peste suina africana fa sempre più paura nel Piemonte meridionale e anche Cuneo si muove a livello di istituzioni locali. L’area più monitorata in Italia è quella a cavallo tra alessandrino e genovese, dove da dicembre 2021 si sono riscontrati casi di carcasse di cinghiali infette dalla patologia animale (che non si trasmette a l’uomo, ma mette a forte rischio gli allevamenti suinicoli); all’ultimo aggiornamento dell’Istituto zooprofilattico, di mercoledì 1° marzo, viene riferito di 421 casi finora, di cui 282 in Piemonte.
Oggi (venerdì 3 marzo) interviene sul tema anche la Provincia di Cuneo, che attiva (con provvedimento del presidente Luca Robaldo) un gruppo di lavoro specifico, dedicato al problema della peste suina africana. L’obiettivo è “apportare ulteriori implementazioni alle misure già messe in campo dall’ente”. Ne fanno parte il consigliere delegato Silvano Dovetta e i due consiglieri competenti per territorio, rispettivamente Massimo Antoniotti e Annamaria Molinari. Tra gli interventi da mettere effettivamente in campo, secondo le organizzazioni professionali agricole, quello prioritario è un forte depopolamento dei cinghiali attraverso gli abbattimenti (l’obiettivo annunciato da almeno un anno è 50.000 capi in Piemonte, ma si è molto lontani da quelle cifre), in quanto questi animali sono il primo veicolo di diffusione di questa patologia, e quindi oltre a distruggere i fondi coltivati mettono a rischio una produzione fondamentale per l’economia agricola della Granda.
“Questo aspetto è fondamentale – dice Robaldo – per rallentare il più possibile la corsa della peste suina in una provincia che, con le sue 800 aziende e quasi 900.00 capi, rappresenta da sola il  10,6% degli allevamenti suinicoli italiani. Ho percepito le difficoltà del nostro ente, confermatemi dalla struttura, nell’applicazioni delle disposizioni nazionali e regionali ed è per questo che mettiamo in campo strumenti straordinari”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente