La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 18 maggio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il cammino a ostacoli verso l’acqua pubblica

Oreste Delfino del Comitato Acqua Pubblica di Cuneo interviene dopo la commissione comunale con l'Acda

La Guida - Il cammino a ostacoli verso l’acqua pubblica

Cuneo – Oreste Delfino del Comitato Acqua Pubblica di Cuneo interviene per l’ennesima volta sulla questione acqua pubblica. Lo fa rifacendosi a quanto è accaduto nella commissione comunale di Cuneo sull’Acda di martedì sera, cercando di fare chiarezza su alcune affermazioni fatte nel dibattito dai consiglieri comunali. La Guida da anni segue il dibattito e le vicende della gestione dell’acqua, dalle scelte fatte dei sindaci ai lavori, dai ricorsi del privato alla politica sull’acqua, e ha reso pubblica la perdita dei 41 milioni di euro da parte dell’Egato4 sui fondi Pnrr, ma dandone, come prassi del nostro giornale, testimonianza documentale, mai per sentito dire. Così come ha sempre dato notizia da una parte dei ricorsi dei privati e dei loro esiti e dell’altra del difficile cammino di Cogesi. Anche l’ultimo articolo su La Guida di giovedì 26 gennaio chiarisce in modo evidente i problemi e le questioni da risolvere per arrivare alla piene attuazione della scelta fatta, dai sindaci e dai cittadini con il referendum, dell’acqua pubblica.

 

Dopo aver assistito martedì sera alla 1° commissione comunale di Cuneo sull’ACDA ed aver letto i numerosi commenti comparsi sui giornali, in quanto attivista ormai da un ventennio del Comitato Acqua Pubblica di Cuneo, vorrei portare il mio contributo per una lettura dei fatti più aderente alla realtà.
Il nostro Movimento da sempre sostiene che le aziende pubbliche non debbano essere un “poltronificio” per politici in attività o fuori attività e che i comuni soci, attraverso i loro consigli comunali debbano esercitare sulle stesse il potere di controllo analogo, principalmente nel fornire l’indirizzo sulla mission che deve essere perseguita e verificarne l’attuazione.
Ciò detto, non avendo il sottoscritto alcun elemento per giudicare se nel caso della nomina ad amministratore delegato di ACDA di Beppe Delfino (mio cognonimo ma senza alcun grado di parentela) si sia incorsi in questa casistica, non posso che fidarmi delle decisioni assunte dai sindaci nella assemblea dei soci.
Altra cosa, e molto più spiacevole a mio avviso, è stato accusare l’AD di aver fatto perdere il finanziamento da PNRR per il servizio idrico in provincia di Cuneo: in questo modo si falsa addirittura la realtà. Diamo a Cesare quel che è di Cesare!
Il progetto cuneese non è stato ammesso al bando in quanto elemento determinante era che nell’Ato presentante stesse operando il gestore unico, facendo rilevare l’elemento più macroscopico che era la situazione della monregalese Mondo Acqua per la quale non era stato ancora materialmente possibile determinare il Valore Residuo (VR) in quanto il suo mandato era scaduto appena al 31.12.2021. Ma se si fosse andati oltre all’esame di questo primo scoglio macroscopico, anche il subentro non completato ad Alpiacque, Alse e Tecnoedil sarebbe stato un probabile elemento di esclusione.
Cosa c’entrano Acda, Delfino, L’EGATO4 in tutto questo: molto poco! Chi sono i veri responsabili che dopo oltre tre anni dall’affidamento continuano a rendere arduo e rischioso il pagamento del VR ai gestori privati e misti uscenti?
Molto facile, penso che ormai lo sappiano tutti i residenti in provincia di Cuneo, si chiamano: Bo, sindaco di Alba, Tallone, sindaco di Fossano, Barbero, sindaca di Marene, Faccenda, sindaco di Canale, Icardi ex sindaco di Santo Stefano Belbo, Perosino, sindaco di Priocca che guidando una nutrita schiera di altri sindaci tra i quali Cherasco, Benevagienna,Cavallerleone, Narzole e praticamente tutto il Roero. Negli anni hanno presentato diversi ricorsi al Tribunale Superiore delle Acque di Roma, tutti persi, ma che hanno indotto ad un atteggiamento di responsabile precauzione nel percorso del subentro di Cogesi. Già, anche i gestori uscenti hanno presentato i loro ricorsi (identici e tutti persi), ma in un contesto di sottomissione alle leggi finanziarie e di mercato questo è persin normale.
Occorre essere informati e conoscendo i fatti individuare i responsabili, i sindaci citati oltre alla presentazione dei ricorsi hanno accuratamente evitato di procedere alla pubblicizzazione dei gestori misti del loro territorio o di cercare una forma di partecipazione alternativi al gestore unico Cogesi.
Probabilmente il progetto di ATO4 Cuneese verrà ammesso nella seconda tranche dove è stato ripresentato a seguito della determinazione del VR di Mondo Acqua, ma pur venisse finanziato, possibilità alquanto limitata per tutti i partecipanti, mi spiegate come potrebbe essere attuato se quei sindaci non avranno sul loro territorio un’azienda operativa pubblica in grado di poterlo fare?

Oreste Delfino

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente