La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 22 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il Tour de France 2024 sulle strade della Granda nelle Langhe e nel Roero

La grand boucle partirà per la prima volta dall'Italia, con la prima tappa da Firenze a Rimini. La terza tappa, il 1° luglio, da Piacenza a Torino, con passaggio ad Alba, nelle Langhe e nel Roero (la presentazione venerdì 23 dicembre)

Alba – Il Tour de France 2024 partirà dall’Italia, per la prima volta nella sua storia, e tornerà sulle strade della provincia di Cuneo con il passaggio nelle Langhe e nel Roero. La “grand boucle” 2024 inizierà da Firenze (l’ufficializzazione è in programma il 21 dicembre a Firenze, a Palazzo Vecchio con diretta su Rai2).

La prima tappa si correrà il 29 giugno, da Firenze a Rimini. La seconda partirà da Cesenatico con arrivo a Bologna. La terza tappa, lunedì 1° luglio, scatterà da Piacenza per poi entrare in Piemonte da Tortona, percorrere le strade di Monferrato, Langhe e Roero, con passaggio a Neive, Barbaresco, Alba, Piobesi, Corneliano, Sommariva Perno e Ceresole e Moncalieri per arrivare a Torino. La quarta tappa partirà da Pinerolo per tornare in Francia, con un omaggio a Fausto Coppi. La conferenza stampa di presentazione, con tutti i dettagli del percorso piemontese, è prevista per venerdì 23 dicembre, alle 10, a Palazzo Madama, in piazza Castello a Torino, con gli interventi del presidente della Regione, Alberto Cirio, il sindaco di Torino,Stefano Lo Russo e il direttore generale del Tour de France, Christian Prudhomme.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente