La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 23 febbraio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Stalking e atti persecutori, giovane di Carmagnola a processo

Continui contatti per rivederla, inseguimenti in auto, "improvvisate" a casa e in altri luoghi

La Guida - Stalking e atti persecutori, giovane di Carmagnola a processo

Borgo San Dalmazzo – Presentò la prima denuncia a giugno 2021, ma da parecchi mesi il suo ex continuava a cercarla, telefonarle, mandarle messaggi da profili social creati appositamente per contattarla, addirittura inseguendola in auto e costringendola a fermarsi per parlare ancora con lui che non voleva accettare la fine della loro relazione. Per questi atti persecutori R. V., un ragazzo di Carmagnola, è a processo al tribunale di Cuneo. Fu proprio in seguito a uno di questi inseguimenti in auto che la giovane studentessa universitaria decise di rivolgersi ai Carabinieri e denunciare il suo ex: “Ero in auto – ha raccontato la ragazza in aula – con mio fratello e lui ci aveva seguiti, lampeggiava e suonava poi ci superò costringendoci a fermare l’auto. Cercava di farmi ascoltare l’audio di una canzone e quando provai ad andarmene cercò di impedirlo aprendo la portiera, poi diede un pugno contro il finestrino”.

Tanti gli episodi riferiti dalla giovane nei lunghi mesi precedenti alla denuncia e anche successivi a questa: episodi di cui la ragazza teneva puntualmente al corrente i Carabinieri e che portano l’autorità giudiziaria a emettere il provvedimento di divieto di avvicinamento. Un divieto che venne però violato e che portò alla misura degli arresti domiciliari.

“Un giorno mi mandò una foto che lo ritraeva all’interno del mio giardino, aveva scavalcato la recinzione e lo sentivo che tirava sassolini contro la finestra della mia camera. Quando ero in casa a seguire le lezioni universitarie on line dovevo staccare il citofono per evitare che mi disturbasse. È capitato molto spesso che lasciasse oggetti attaccati al cancello di casa mia. Una volta mi chiese di scendere al portone di casa per parlare ma poi mi prese di peso e mi mise in macchina: riuscii a prendere le chiavi e a gettarle lontano. Mi ero molto spaventata”.

Dopo tutti questi episodi la giovane ha dovuto cambiare il proprio stile di vita, impaurita all’idea di ritrovarselo davanti all’improvviso: “Ho iniziato a farmi accompagnare dai miei genitori e ho iniziato un percorso di sostegno psicologico. In aula la difesa del ragazzo ha chiesto la revisione della misura cautelare: “Dopo 120 giorni a casa – ha dichiarato il ragazzo al giudice – ho capito il volere della persona offesa e cosa non devo fare”. L’udienza proseguirà il 27 maggio con le deposizioni degli altri testimoni.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente