La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 24 febbraio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Trasferte per furti in abitazione in Romagna, sei arresti (video)

Indagini della Polizia di Cuneo, cinque in carcere e uno ai domiciliari: svaligiavano case e ingannavano anziani, anche usando pettorine dei Carabinieri

La Guida - Trasferte per furti in abitazione in Romagna, sei arresti (video)

Cuneo – Sei uomini tra i 24 e i 33 anni, tra cui un cuneese, sono stati arrestati dalla Polizia di Cuneo per associazione a delinquere finalizzata a furti in abitazione, compiuti soprattutto nel riminese, nel forlivese e nel cesenate. Con le loro “trasferte” in Emilia Romagna, almeno una volta ogni due settimane, prendevano di mira le abitazioni indicate da un basista nella zona e adocchiate durante i sopralluoghi. Partivano da Magliano Alfieri e raggiungevano un casolare emiliano, da cui entravano in azione dopo aver cambiato targhe alle auto (di grossa cilindrata e rubate). Due i metodi per entrare nelle abitazioni: con effrazioni per le case in cui non c’erano persone, spesso a danno di famiglie facoltose, per portare via più materiale possibile (anche cassaforti che venivano “smurate” con un flessibile); oppure con l’inganno, se si trattava di anziani soli. Da questi ultimi si presentavano indossando pettorine e distintivi falsi dei Carabinieri, per cogliere la fiducia delle vittime e farsi aprire: una volta in casa, cercavano di portare via denaro e preziosi. I poliziotti della Squadra Mobile cuneese, coordinata da Pietro Nen, li hanno individuati con lunghe indagini nell’operazione “Sorvegliati speciali” e hanno riferito di un bottino di almeno 500.000 euro per gli otto colpi finora attribuiti alla banda, oltre a danni materiali per circa 100.000 euro. Per cinque di loro (tutti sinti piemontesi residenti in diverse province, con un ordine eseguito anche al campo nomadi di Cuneo) sono scattati gli arresti in carcere, per una sesta persona quelli domiciliari, sulla base delle misure cautelari emesse dal gip del tribunale di Asti (il leader del gruppo era di Magliano Alfieri).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente