La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ma quanto lavorano gli europei?

Ai due estremi si collocano la Svezia e l’Italia, la prima con 42 anni lavorativi, l'ultima con 32

La Guida - Ma quanto lavorano gli europei?

“Lavorare meno, lavorare tutti”, ottimo programma che sembra funzionare alla rovescia nell’Unione Europea: gli europei in media lavorano 35,9 anni: 3,6 in più rispetto a vent’anni fa e intanto la disoccupazione non rientra.
Non è la sola sorpresa che riserva uno studio di Eurostat (Ufficio statistico europeo) appena pubblicato, secondo il quale c’è una notevole differenza di anni lavorativi tra i Paesi UE, addirittura di 10 (dieci) anni tra chi lavora più anni e chi meno.

E qui la classifica si fa interessante: ai due estremi si collocano la Svezia e l’Italia, la prima con 42 anni lavorativi, l’ultima con 32. E non finisce qui: i primi tre Paesi in classifica coincidono con quelli “frugali” (Svezia, Olanda e Danimarca) che dell’Italia si sono fatti l’idea di un Paese non proprio stakanovista. E non consola il fatto che a tenere bassi i numeri italiani siano le donne, il cui lavoro è solo in parte registrato nelle statistiche.

I “frugali “ faranno pesare anche queste differenze (oltre quelle di natura fiscale) per rifiutare aperture di solidarietà verso i Paesi del sud? Non sarebbe elegante, ma la tentazione sarà grande.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente