La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 18 aprile 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Centri sportivi e palestre, secondo il ministro la riapertura è possibile “entro il 25 maggio”

L'annuncio in Senato del ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora: “Lo sport di base deve ripartire in sicurezza: se le risposte del comitato tecnico scientifico saranno positive le strutture potranno riaprire anche prima”

La Guida - Centri sportivi e palestre, secondo il ministro la riapertura è possibile “entro il 25 maggio”

Cuneo – Il 25 maggio è la data “massima” entro cui consentire allo sport di base di ripartire sul territorio nazionale. A tracciare il confine è stato oggi, mercoledì 13 maggio, il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, nel corso di un’informativa in Senato. “Proporrò la norma per il prossimo dpcm – ha detto Spadafora – Abbiamo già inviato le linee guida al comitato tecnico scientifico, e se avremo risposte positive, le strutture potranno riaprire anche prima. Dobbiamo fare in modo che tutte le strutture abbiano la possibilità di riaprire e far sì che il protocollo sia adattabile. “Tutto lo sport deve ripartire: impianti, centri e circoli sportivi, palestre. Sport e benessere vanno a braccetto. Giovani e sport sono leve fondamentali per la ripartenza del paese”.

Spadafora ha citato come esempi di attività sportive che potrebbero ripartire entro il 25 maggio le palestre e i centri danza, tennis e nuoto sul territorio nazionale. Resta da verificare, in ogni caso, l’eventuale decisione in merito da parte della Regione Piemonte, che potrebbe decidere di posticipare il termine.

Dal ministro è arrivata anche l’assicurazione che ci saranno dei fondi per aiutare la messa in sicurezza degli impianti sportivi. “Metteremo a disposizione delle risorse per attuare i protocolli: è stata destinata alle federazioni delle risorse del 5% per sport di base e ora quei soldi, 17 milioni, saranno destinati a sanare e attuare i protocolli”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente