La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 23 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Presidente Cirio, cambi quell’insostenibile norma dei 200 metri!

Quella che viviamo è un’emergenza sanitaria, non di ordine pubblico

La Guida - Presidente Cirio, cambi quell’insostenibile norma dei 200 metri!

Le regole vanno rispettate e fatte rispettare. Soprattutto quando ne va della salute di tutti. Ma le regole devono essere efficaci, finalizzate all’obiettivo per cui nascono e applicate con intelligenza, buon senso e rispetto delle persone.

Tra le tante limitazioni imposte (temporaneamente), ce ne sono alcune decisamente discutibili. Ma una è addirittura ridicola se non stupida, almeno per la nostra provincia. È quella che limita a 200 metri da casa la distanza ammessa per uscire di casa. Eppure sembra questa la norma su cui più si accaniscono i controlli delle forze dell’ordine (con esclusione di quasi – ma non tutte – le polizie comunali). Una norma che sta facendo esplodere un po’ ovunque liti e offre margini inaccettabili alle vendette cattive della delazione. Un fenomeno incivile e  preoccupante. Ancor più preoccupa che ci siano forze dell’ordine che si muovono su queste segnalazioni. Sanzionare con cifre esorbitanti chi da solo o con qualche famigliare cammina in collina per passeggiare o per recarsi all’orto o alla vigna (e a Cuneo o nei paesi quasi tutti hanno un pezzo di terra che curano e coltivano da qualche parte) non ha alcun senso, se l’obiettivo che si persegue è quello di evitare assembramento e vicinanza. Eppure questo è accaduto e accade quotidianamente. E con la paura, tra la gente sta montando una rabbia astiosa che va a minare prima di tutto la fiducia proprio verso le forze dell’ordine e gli amministratori. Una rabbia che va sciolta al più presto.

Non a caso il governatore del Veneto quella norma l’ha semplicemente abolita. Presidente Cirio, perché non segue l’esempio del suo collega Zaia? O non lascia che siano i sindaci a decidere la distanza adeguata per i loro Comuni?

Forse troppi non hanno ancora chiaro che quella che stiamo vivendo è un’emergenza sanitaria, non di ordine pubblico. Da gestire quindi con metodi e approcci completamente diverse da quelli esclusivamente repressivi adottati fino ad oggi.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente