La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 22 febbraio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Si è radunato il Tavolo emergenza frutticoltura saluzzese

Il gruppo è nato per far fronte al problema del reperimento della manodopera

La Guida - Si è radunato il Tavolo emergenza frutticoltura saluzzese

Cuneo – Si è riunito per la seconda volta in videoconferenza, giovedì 16 aprile, il tavolo sull’emergenza nella frutticultura saluzzese. Il gruppo, che raduna 15 diversi attori tra Comuni, associazioni sindacali agricole ed organizzazioni di produttori dell’area saluzzese, si è creato per far fronte al problema del reperimento della manodopera per la prossima campagna di raccolta agricola. All’incontro hanno partecipato i referenti dei comuni di Costigliole Saluzzo, Lagnasco, Saluzzo e Verzuolo, di Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Confcooperative, Asprofrut, Jolly Fruit, Joinfruit, Lagnasco Group, Ortofruit Italia, Rivoira e Solfrutta.
Durante il dibattito è emerso come la pandemia di coronavirus comprometta l’apertura del Pas e delle altre Accoglienze Diffuse, create a supporto del settore. Alla luce del nuovo Dpcm, che proroga le misure di distanziamento sociale sino al 3 maggio, è del tutto evidente che non sarà possibile creare ammassamenti come quelli che inevitabilmente si verificherebbero al Pas e presso le Accoglienze Diffuse. “Sarebbe infatti alquanto ottimistico credere che dal 4 maggio tutto torni alla normalità. Pur non avendo competenza per esprimere pareri o azzardare previsioni in merito ad un’epidemia senza eguali e precedenti, è certo però che si debba lavorare insieme e uniti per trovare soluzioni alternative al fine di salvaguardare i raccolti e le tante aziende coinvolte” hanno sottolineato i referenti del tavolo che hanno sottolineato alcune criticità.
Oltre ai problemi di accoglienza della manodopera ci sarebbero infatti anche problemi di reperimento della stessa, pertanto si è ritenuto opportuno sollecitare le competenti Istituzioni regionali e nazionali a: individuare forme di sostegno, anche col contributo dei Comuni, per incentivare l’alloggiamento della manodopera presso le aziende; introdurre modalità agili di reperimento ed assunzione manodopera, anche attraverso una radicale semplificazione del voucher agricolo; defiscalizzare i contributi previdenziali per incentivare le aziende che investono sull’ospitalità della manodopera e garantire maggior competitività sia a livello nazionale che europeo.
Dal tavolo è emersa anche la necessità che i sindaci promuovano con i colleghi dei comuni del saluzzese l’approvazione di un regolamento edilizio che permetta la semplificazione burocratica per l’accoglienza delle persone in azienda e l’auspicio di un contributo regionale per far fronte ai maggiori costi dell’accoglienza perchè gran parte del personale impiegato nelle scorse campagne (oltre il 70%) era alloggiato nelle aziende agricole.
Le normative di distanziamento sociale imporranno anche una diversa organizzazione del trasporto dei lavoratori, per questo il tavolo ha richiesto alla Regione di mettere in atto soluzioni in tal senso e che si attivi affinché venga predisposta una piattaforma di incontro domanda/offerta di lavoro. Ad oggi le maggiori organizzazioni di categoria agricole si sono dotate di sistemi autonomi online riconosciuti dal Ministero e le hanno già messe a disposizione del settore. Di seguito i link per candidarsi per l’imminente stagione di raccolta: https://lavoro.coldiretti.it/Pagine/default.aspx http://www.confagricoltura.it/ita/agrijob_autocandidatura-lavoratore.php

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente