La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 13 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

A processo per la vendita di integratori con sostanze dopanti

Accusa per i tre soci di un'azienda fossanese che commercializza integratori alimentari di un produttore tedesco

La Guida - A processo per la vendita di integratori con sostanze dopanti

Cuneo – Con l’accusa di aver commercializzato integratori contenenti sostanze classificate come dopanti, sono a processo al Tribunale di Cuneo i tre soci titolari dell’azienda B.F. Pharma di Fossano (F. B., B. G. e G. C.) che commercializza integratori alimentari prodotti dalla Weider, azienda tedesca leader del settore.
Durante l’udienza in Tribunale ha testimoniato un tenente della Guardia di Finanza di Torino che ha condotto alcune fasi delle indagini partite dalla Procura di Torino e poi reindirizzate alle Procure competenti territorialmente.
L’indagine ha preso avvio nel 2016 da un monitoraggio sui siti Internet dove è possibile acquistare gli integratori alimentari; un’informativa riservata avrebbe rilevato la presenza di anabolizzanti in alcuni integratori alimentari.
Il 20 ottobre 2016 vennero sequestrati 16 campioni di integratori presso la B.F. Pharma, di cui otto risultarono positivi alla presenza di sostanza come testosterone e prednisolone acetato, sostanze inserite nella lista della Wada, agenzia internazionale antidoping.
Di di questi otto campioni, 6 erano prodotti dall’azienda tedesca, mentre due erano commercializzati con marchio B.F. Pharma ma prodotti da altre aziende su indicazione dell’azienda fossanese.
In apertura d’udienza l’avvocato Francesco Pacciani che insieme alla collega avvocato Costanza D’Ormea difende i tre imputati ha sottolineato che nelle controanalisi eseguite successivamente al sequestro è stata completamente esclusa la presenza di sostanze proibite nei campioni analizzati, ma che nel frattempo i 50.000 euro di prodotti sequestrati sono arrivati a scadenza e ormai sono da buttare. L’udienza è stata rinviata al 16 marzo per ascoltare i consulenti tecnici che hanno eseguito le analisi. 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente