La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 24 giugno 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

A Borgo chiude la palestra di arrampicata Il.Punto

Gli ex gestori: “Nessuna attenzione e garanzia dall'Amministrazione comunale”. Il sindaco assicura che verrà bandita una nuova gara per trovare un nuovo gestore.

La Guida - A Borgo chiude la palestra di arrampicata Il.Punto

Borgo San Dalmazzo. Dopo nove anni di attività chiude i battenti “Il.PUNTO Scuola di Arrampicata e Centro per la Montagna”, per tutti semplicemente “Il Punto”, la palestra di roccia all’interno dei locali delle ex Officine Bertello a Borgo San Dalmazzo. Una bella storia ma senza lieto fine, che ha lasciato molti appassionati con l’amaro in bocca.

Oggi (venerdì 14 giugno) è l’ultimo giorno di apertura della palestra. “È venuto il tempo di andare. Dopo nove anni di onorato servizio e impegno, due bandi, avventure di tutti i tipi e un contratto di locazione in scadenza a fine giugno non ce la siamo sentita di partecipare ad un terzo bando. Dopo settimane intense ed emotivamente difficili abbiamo preso questa sofferta ma serena decisione. Siamo forti del lavoro fatto, dell’esperienza sviluppata e dei sorrisi donati e ricevuti. Siamo cresciuti tantissimo e il nostro cuore batte che è una meraviglia. Proprio per questo è venuto il tempo di andare. Quegli spazi non fanno più per noi. Più di così alle ex-Officine Bertello non potevamo chiedere” così si congeda Pietro Pozza, gestore de “Il Punto”, in un post sui social.

“Mi dispiace davvero lasciare, ma avanti così non si poteva andare – racconta Pietro -. La struttura ormai non era più adeguata e aveva bisogno di qualche intervento, che non abbiamo mai ottenuto dal Comune. Ma non è solo questo: non abbiamo mai avuto dall’Amministrazione garanzie né attenzioni di nessun tipo in questi anni. È la disattenzione e il disinteresse nei nostri confronti quello che più di ogni altra cosa mi ha portato a questo punto e a prendere questa sofferta decisione. Soprattutto dopo tutto il lavoro fatto sul territorio, con le scuole, i ragazzi e le famiglie della città, ad esempio. Ci aspettavamo qualcosa in più e invece siamo stati trattati sempre come degli sconosciuti o come una qualsiasi attività di tipo commerciale. Cosa che non siamo mai stati”.

Intanto dal Comune di Borgo assicurano che la volontà è quella di continuare a mantenere una palestra di roccia in quei locali, per cui verrà bandita presto una gara.

“La gestione della palestra da parte de Il Punto si è conclusa naturalmente dopo i tre anni previsti, ora procederemo con una gara per individuare il nuovo gestore – spiega il sindaco di Borgo Gian Paolo Beretta -. Il mio impegno è senza dubbio quello di non cambiare destinazione d’uso di quei locali, anzi. È una realtà che funziona: l’arrampicata è una disciplina molto praticata sul nostro territorio e dalla palestra Il Punto sono usciti atleti che hanno fatto bene a livello nazionale, lo stesso gestore è stato tecnico azzurro. Semplicemente dobbiamo procedere con una nuova gara perché i tre anni di gestione previsti dal precedente bando sono conclusi. Nessuno ha mai pensato di chiudere la palestra. Ora faremo qualche lavoro di ammodernamento e poi verrà bandita la nuova gara, in modo da poter dare  continuità all’attività”.

In realtà una prima gara è già stata bandita, come risulta dal sito del Comune di Borgo, su cui è stata pubblicata una “indagine esplorativa per individuare operatori economici da invitare alla procedura negoziata per la concessione in uso e gestione dell’unità immobiliare adibita a palestra di roccia artificiale”. Non più solo per tre anni, come nei passati bandi vinti da “Il Punto”, ma per sette anni, con possibilità di rinnovo per ulteriori cinque. L’indagine scadeva il 6 maggio, ma è stata revocata.

Per ora resta un’incognita il futuro della palestra di roccia borgarina. L’unica certezza è l’addio di Pietro e il suo Punto.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.