La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 19 marzo 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Addio libretti al portatore, vanno estinti entro il 31 dicembre

Dopo un anno e mezzo dall'abolizione, scatta l'obbligo di chiuderlo o di versare le somme su un libretto nominativo o un conto corrente

Cuneo – Dal 4 luglio 2017 i libretti al portatore bancari e postali sono stati aboliti, ma è stato concessa fino al 31 dicembre 2018 la possibilità di estinguerli o versare le somme su un libretto nominativo o un conto corrente. Siamo quindi ormai al conto alla rovescia, a breve i libretti al portatore saranno bloccati.
Teoricamente tutti gli interessati sono stati contattati dagli istituti di credito, ma potrebbero esserci ancora libretti al portatore creati per i depositi cauzionali delle locazioni, per cui occorre fare mente locale e provvedere entro fine anno. L’obbligo di estinguere il libretto prevede anche una sanzione per chi non si è adeguato. Le banche e Poste italiane non potranno più effettuare movimentazioni e, fermo restando l’obbligo di liquidazione del saldo del libretto a favore del portatore, saranno obbligate a effettuare una comunicazione al Mef, che applicherà al portatore che non ha adempiuto all’estinzione una sanzione amministrativa da 250 a 500 euro. Per estinguerli è sufficiente recarsi al proprio istituto di credito o in Posta con un documento d’identità e il libretto cartaceo e la pratica viene svolta subito. In caso di libretti intestati a una persona defunta saranno gli eredi a dover procedere con l’estinzione, perché questa forma di risparmio entra a far parte della massa ereditaria.
In caso di libretti al portatore creati per i depositi cauzionali, si potrà versare l’importo sul conto corrente del locatore, ricordando che produce gli interessi legali a vantaggio dell’inquilino (attualmente lo 0,3% annuo), che possono essere corrisposti ogni anno o a fine locazione.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

Redazione | Accessibilità | Privacy Policy

Amministrazione trasparente

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.