La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 13 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il killer di aceri e betulle colpisce a Madonna dell’Olmo

Si chiama tarlo asiatico del fusto e d è stato trovato sulle piante della frazione. Allarme e preoccupazione per una difficile disinfestazione

La Guida - Il killer di aceri e betulle colpisce a Madonna dell’Olmo

Cuneo – Si chiama tarlo asiatico del fusto, nome scientifico Anoplophora glabripennis ed è il killer di aceri, larici e betulle che sta facendo piazza pulita a Madonna dell’Olmo, preoccupando l’assessorato all’ambiente del Comune di Cuneo. Colpisce le piante latifoglie ad alto fusto “svuotandole” e facendole morire in poco tempo, ma si diffonde in modo rapido. Scava gallerie nella parte bassa del tronco degli alberi provocando la disgregazione del legno che può facilmente spezzarsi nel caso di eventi meteorologici sfavorevoli. Le stesse gallerie spesso interrompere il flusso linfatico e portare a morte le piante.
Mercoledì prossimo si riunirà una commissione congiunta in Comune per analizzare la situazione che si presenta piuttosto grave con il rischio di abbattimento di decine e decine di piante, e dare il via al piano di contrasto dopo che Regione Piemonte, Ipla e carabinieri forestali hanno concordato già monitoraggi mirati.
Quello di Madonna dell’Olmo è il secondo caso in Piemonte dopo la val Susa dove il settore fitosanitario della Regione ha deciso proprio nei prossimi giorni di iniziare l’abbattimento di centinaia di piante.
Tra i cosiddetti “killer delle foreste” il tarlo asiatico del fusto è un grosso coleottero che raggiunge fino a 3,5 centimetri, si presenta con puntini bianchi-azzurrognoli sul dorso nero, e con lunghe antenne striate di nero e bianco. È innocuo per animali e persone. È stato introdotto accidentalmente dalla Cina tramite il legno da imballaggio e il primo caos in Europa è stato registrato in Svizzera sette anni fa.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.