La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 16 agosto 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Controlli dei Carabinieri per contrastare il lavoro nero

Verifiche nelle aziende agricole del Saluzzese: una denuncia e sanzioni amministrative

Saluzzo – Contrasto del lavoro nero e del fenomeno del caporalato: dal mese di luglio i Carabinieri della Compagnia di Saluzzo hanno avviato un’intensa attività di controllo presso le aziende agricole del territorio per verificare la regolarità dei contratti di assunzione dei braccianti impiegati nella raccolta della frutta, quasi tutti di origine africana.
Dieci finora le imprese ispezionate dai militari delle stazioni di Saluzzo, Revello, Costigliole e Verzuolo e un’ottantina i lavoratori identificati. Durante un sopralluogo è stata comminata una multa di 3.000 euro al titolare di un’azienda per aver impiegato un lavoratore in nero che all’atto di presentarsi alle Forze dell’Ordine ha declinato le generalità di un suo connazionale regolarmente assunto, ma assente in quel momento, esibendo copia del permesso di soggiorno intestato a quest’ultimo. Smascherato, lo straniero è stato denunciato per falsa attestazione a Pubblico Ufficiale e sostituzione di persona.
I controlli, realizzati in collaborazione con il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Cuneo, proseguiranno nei prossimi mesi in concomitanza con la raccolta delle mele.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.