La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 14 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nei primi sei mesi 2018 leggero calo dei morti sulle strade cuneesi

Cauto ottimismo dopo l’anno nero 2017 con 59 decessi lungo le strade della provincia

La Guida - Nei primi sei mesi 2018 leggero calo dei morti sulle strade cuneesi

Cuneo – Alla fine di giugno 2018 i morti per incidenti stradali rilevati in provincia di Cuneo sono stati in totale 22, pochi in meno dell’anno precedente nello stesso periodo.  Nei primi sei mesi 2017 erano stati 24 e di questi, 11 si erano verificati a giugno. Un leggero miglioramento si sta riscontrando nell’anno in corso e l’indice positivo sembra confermato anche a luglio. Una buona notizia, quindi, per la Granda che va in controtendenza rispetto alla media nazionale dove si registra un nuova crescita del numero dei decessi, ma siamo ancora molto lontani dall’obiettivo europeo di dimezzare i morti sulle strade italiane entro il 2020.
Nella prima metà 2018 gli incidenti mortali in provincia di Cuneo si sono concentrati soprattutto nei mesi invernali di gennaio (5 morti), febbraio (3) e marzo (6), periodi caratterizzati da grandi nevicate e gelo. Si è trattato, in massima parte, di decessi avvenuti in auto, ma a partire dalla primavera anche in moto, a piedi e in bicicletta. I dati non sono ufficiali, ma invitano ad un cauto ottimismo dopo l’anno nero 2017 che registrò 59 decessi sulle strade della Granda.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.