La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 20 settembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Morto il partigiano “Nino” Agostino Fontana di Cuneo

Aveva compiuto 100 anni lo scorso dicembre, i funerali martedì alle 14,30 nella chiesa dei Salesiani poi un ricordo al Parco della Resistenza

La Guida - Morto il partigiano “Nino” Agostino Fontana di Cuneo

Cuneo – È morto il partigiano “Nino” Agostino Fontana di Cuneo. Aveva compiuto 100 anni lo scorso 21 dicembre. Primo di nove fratelli di una grande famiglia partigiana Agostino è stato tra i protagonisti della liberazione di Cuneo, con i comandanti Ettore Rosa , Aldo Quaranta avvenuta il 28 aprile 1945. In famiglia ben tre fratelli Nino, Beppe e Attilio facevano parte delle bande partigiane di “Giustizia e LIbertà ” e tre sorelle erano staffette partigiane Nella, Jucci e Giovanna.

Agostino Fontana alla liberazione di Cuneo

Agostino Fontana alla liberazione di Cuneo

Nino di famiglia antifascista, nel 1937  a  20 anni è in servizio come  militare nel Regio Esercito come guardia frontiera nelle zone del Torinese, nelle Valli di Susa  e in seguito in quelle di   Lanzo. È militare , quando nel 1940 l’Italia entra in guerra a fianco dei Tedeschi, viene inviato sul fronte jugoslavo poi in quello Greco-albanese. Poi con i fratelli diventano partigiani.

“La storia di Nino – scrive la presidente dell’Anpi Ughetta Biancotto – è sempre collegata a quella della sua famiglia ; dapprima salgono a Boves , sulla Bisalta dove c’è la banda Vian e poi si unisce a quella di Giovanni e Spartaco Barale . I Fontana  abitano in via Peveragno a Cuneo sono una famiglia numerosa  sono 9 fratelli , il padre fa il carradore, ha fondato e fabbricato una delle prime officine di carrozzeria a Cuneo. I figli orfani della mamma nel periodo della guerra assistono e sono scampati dai bombardamenti di Via Borgo Gesso, e da piazza Boves, dove assistono alla morte di tanti loro amici e vicini di casa. Le sorelle Nella e Jucci ( incarcerata), sono anche loro staffette e portaordini, collaborano con i fratelli e sovente sono a rischio, ma non si scoraggiano mai ….decidono di sfollare a Roccavione , in una borgata e di portare insieme i loro fratelli  anche quelli più giovani Piero, Mario , Romano e la sorella Giovanna.Dai racconti di Nino, traspare il coraggio e l’altruismo  negli atti compiuti  organizzò un colpo contro la caserma dei vigili del fuoco a Cuneo. La banda partigiana di cui è prima è vice e poi comandante  Attilio Fontana si trasferisce  a Roaschia ai Tetti Rive, In un rastrellamento con i  nazi-fascisti che presidiavano e razziavano le Valli Gesso e Vermenagna Nino viene ferito gravemente ad un braccio, dai tedeschi e dalla banda fascista di Salvi. Viene soccorso e portato in ospedale ad Entracque . Dalla montagna si sposterà poi in pianura ad Isola di Benevagienna… Grazie Nino e a tutta la famiglia Fontana che hanno scritto una bella pagina del nostro 900”.

I funerali si terranno martedì 24 aprile alle 14,30 nella chiesa dei Salesiani poi un ricordo civile al Parco della Resistenza alle ore 15,30. Lascia i figli Guido e Dario e la moglie.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.