La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 24 settembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ragazze sfruttate a Cuneo, sgominata banda di nigeriane

Carcere e domiciliari per cinque donne e due uomini (di cui uno ancora ricercato): dai villaggi più poveri del Paese africano alle strade di Cuneo

La Guida - Ragazze sfruttate a Cuneo, sgominata banda di nigeriane

Cuneo – Un anno di indagini, partite da un controllo su ragazze lungo le strade del capoluogo, risalendo la “catena” di controllo: si è conclusa con sentenze di condanna a un anno e mezzo o due anni per sfruttamento della prostituzione l’operazione “Voodoo girls”, presentata venerdì mattina dalla Squadra Mobile della Questura, con sei misure cautelari (in carcere e ai domiciliari) e una persona ancora ricercata. Si tratta di cinque donne, le “maman” che gestivano le ragazze, e di due uomini (di cui uno presumibilmente in Nigeria, dove “reclutava” le giovani da portare in Italia): tutti sui 30-35 anni, regolarmente in Italia e senza precedenti. Almeno quindici le ragazze sfruttate dal gruppo, molto giovani, 18-24 anni.
Quella sgominata dai poliziotti cuneesi era un’organizzazione strutturata, in grado di gestire tutti i passaggi di questa tratta: dal “patto” con giovanissime ragazze nei villaggi più poveri del Paese africano al viaggio verso le coste italiane (da “riscattare” per almeno 20-25.000 euro), poi il “recupero” nei centri di identificazione e il viaggio verso Torino, dove le giovani scoprivano il loro destino (dopo l’illusione di un lavoro nel nostro Paese) e ricevevano istruzioni e “piazzola” dove prostituirsi. Il tutto con il controllo completo e totale della loro vita, anche grazie ad altre prostitute, e con le minacce di ritorsioni su di loro (sono stati riscontrati casi di lesioni) e sulle famiglie nel Paese di origine. A quanto riferito dagli agenti cuneesi, non si potevano dimostrare elementi per l’accusa di “riduzione in schiavitù”, ma di fatto la situazione era di quel genere.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.