La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 23 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Piazza Europa, “decisioni calate dall’alto e senza ascolto”

Un confronto duro, quello di giovedì sera, tra l'amministrazione comunale e la popolazione residente sui progetti per la zona

La Guida - Piazza Europa, “decisioni calate dall’alto e senza ascolto”

Cuneo – È stato un confronto duro, senza esclusione di colpi, quello andato in scena ieri sera (giovedì 15 marzo) al teatro parrocchiale del Cuore Immacolato. Organizzato dai comitati di quartiere Cuneo Centro e Cuneo Nuova, l’incontro verteva attorno al futuro di piazza Europa, oggetto di una rivisitazione complessiva finanziata dal Piano Periferie. Sul palco la giunta comunale, guidata dal sindaco Federico Borgna, e in platea un folto pubblico composto da residenti e proprietari di esercizi commerciali della zona.
L’atmosfera si è rivelata incandescente fin dall’inizio. Il progetto di riqualificazione in superficie e di realizzazione di un parcheggio sotterraneo a due piani è stato “smontato” punto a punto dai presenti. A partire dal concetto stesso di piazza Europa come “periferia”, particolarmente contestato da chi denuncia il rischio di un aumento di traffico nel cuore della città; dai lunghi tempi di lavoro, con palificazioni e recinzioni di cantiere, alle preoccupazioni per gli sfiati dei gas di scarico delle auto in prossimità delle abitazioni. Dalle limitazioni all’operatività commerciale al possibile conflitto con i lavori del teleriscaldamento e al timore di “favori ai costruttori privati con soldi pubblici”. Fino al futuro dei dieci cedri cinquantennali che ornano l’attuale piazza.
Pochi i punti di contatto, molta la diffidenza e la rabbia per un “dialogo mai attivato con la cittadinanza e proposto solo a cose fatte”. La normale resistenza al cambiamento, richiamata dal sindaco a fine serata, non ha fatto altro che scaldare ulteriormente la popolazione e sottolineare una distanza tra le parti difficilmente colmabile.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.