La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 19 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La compagnia della Calzamaglia al Don Bosco

Appuntamento con il teatro dialettale venerdì 9 febbraio alle 21

La Compagnia della Calzamaglia di San Pietro del Gallo riceve gli applausi del pubblico dopo uno spettacolo

Cuneo – Quarta commedia per il teatro dialettale del cinema teatro Don Bosco con “La sposa da maritare”, un testo di Stefano Palmucci messo in scena dalla compagnia della Calzamaglia di San Pietro del Gallo.
Matrimonio per interesse o riparatore quello che sceglie la bella Agnese Farloni? È la domanda che angustia ben presto Emma Persigatti quando la giovane decide di sposare suo figlio Pancrazio, che bello non è e neppure brilla in intelligenza.
Gli interessi economici della famiglia Farloni avrebbero consigliato Agnese a sposare ben altri pretendenti, cosicché nella mente di Emma, dopo il primo compiacimento, si fanno strada insolute questioni su cui investigare.
La nascita del supposto nipote troppo prematura e soprattutto senza alcuna somiglianza con il preteso padre rende ancor più urgente risolvere il caso.
La discrezione è d’obbligo, ma è difficile da mantenere quando ci sono di mezzo lingue lunghe e pettegolezzi di paese con personaggi bislacchi, da Toni, contadino pratico e concreto, ma di eccessiva perspicacia, a Mariola la comare o il dottor Fiaschetta ovviamente ubriacone.
“La sposa da maritare” va in scena venerdì 9 febbraio alle ore 21 sul palco del Don Bosco per la rassegna di teatro dialettale. Ingresso singolo 7 euro.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.