La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 22 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

L’addio alla nipote di Dante Livio Bianco

Alessandra Bianco verrà sepolta nella tomba di famiglia, a Valdieri

La Guida - L’addio alla nipote di Dante Livio Bianco

Cuneo – Nella notte di sabato 13 a Brescia è deceduta Alessandra Bianco (in primo piano nella foto), figlia di Alberto e Alda Frascarolo, nipote di Dante Livio Bianco. “Con lei si estingue la famiglia che tanto ha dato alla Resistenza e alla vita pubblica”, come ricordano dall’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea, intitolato proprio a Dante Livio Bianco.
Alessandra Bianco era nata a Torino il 14 febbraio 1952 ed era stata tenuta a battesimo dallo zio Livio, un anno prima della sua morte, in montagna. Aveva ricevuto una educazione attenta e rigorosa per superare i suoi limiti di salute. Aveva vissuto in molte importanti città italiane dove il padre era responsabile delle succursali della Olivetti. Aveva lavorato qualche anno in Regione e poi, col trasferimento della famiglia a Cuneo e il pensionamento di Alberto, negli uffici del Coreco in corso Kennedy.
Negli ultimi anni la sua casa era in via Mameli e, dopo la morte della madre e del padre, era seguita soprattutto dallo zio materno Francesco Frascarolo, fino al trasferimento a Brescia presso la famiglia Mori, che l’ha accudita come una sorella. Alessandra Bianco verrà sepolta nella tomba di famiglia, a Valdieri.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.