La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 19 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Un viaggio d’arte che per angoli retti disegna e chiude un cerchio perfetto di poesia

Franco Marabotto è nato a Cuneo ma vive a Villa r San Costanzo, ha dato vita al ‘Sgm” ossia lo Studio di Geometrie Moderne

Villar San Costanzo

La Guida - Un viaggio d’arte che per angoli retti disegna e chiude un cerchio perfetto di poesia

Franco Marabotto è nato a Cuneo nel 1976, dove è vissuto per ventiquattro anni. Dal 2000 risiede a Villar San Costanzo. Geometra di professione, con la passione per il disegno e le materie tecniche, perfeziona nel tempo il suo tratto stilistico, subendo l’attrazione e l’amore per l’arte moderna contemporanea, fino ad elaborarne una personale visione. Dal 2006, inizia la propria ricerca stilistica ma solo nel 2010 realizza i suoi primi lavori che consistono in materiali di varia natura accostati tra loro per esprimere il contatto tra uomo e natura e stimolare il pensiero, il sentimento e la sensibilità per le materie. Marabotto ricerca nuovi punti di osservazione della realtà, per coglierne meglio le peculiarità, rilevando gli atteggiamenti della società e riflettendo sugli stessi. Ha dato vita al ‘Sgm” ossia lo Studio di Geometrie Moderne con l’obiettivo di ricercare nuove geometrie, espressione della vita contemporanea nonché la sensibilizzazione dei temi ambientali, mediante la descrizione della natura e delle tradizioni culturali da essa derivanti. Al centro del suo pensiero stilistico si trovano il quadrato, in tutte le sue sfumature, e l’acciaio, unito spesso a materiali naturali, derivanti dall’ambiente circostante.
“Egli, si pone – si legge su Cuneiforme – come osservatore esterno della società, estraniandosi dalla stessa per coglierne meglio gli atteggiamenti e le peculiarità: inizia così i suoi primi progetti artistici, costituiti da pensieri, nuove forme geometriche e materiali moderni, finora ridotti in clandestinità. Convinzione personale è che l’arte, sotto ogni sua forma, vada stimolata e sensibilizzata, al fine di renderla viva e diffusa per preservarla e tramandarla al futuro come garanzia e speranza nello stesso”.
“La semplicità di un tempo, – scrive Roberta Toscano – quella che si ottiene sommando miti pretese, rigore e disciplina è la stessa che si concretizza nel lavoro di un pensatore non comune dei materiali e dei concetti: Franco Marabotto. La perfezione e la purezza della forma quadrata, declinata in svariate versioni, funge da porta tra struttura e visioni di mondi interiori difficili da esternare con pennelli e colori. Il metallo è colore, è materia geometrizzata in campiture di luce. La freddezza dell’acciaio o dell’alluminio riflette tutte le sfumature della realtà, il movimento e il suo calore: natura, occhi, stanze. Visioni di abbracci intessuti nella superficie specchiante, di madri adoranti, rapporti famigliari, insetti tutto essenzialmente sciabolato nello spazio di un mondo costruito in un poligono ma che in questo per sua inclinazione non si contiene, si moltiplica, si accende di vita. Compare il colore rosso per disegnare paesaggi di spigoli che il tempo saprà smussare, cuori quadrati sovrapposti di cera; il grande contiene il piccolo, il cubone il cubetto in una sorta di gioco di matrioske essenziali, sapienti di design eppure affettuose per chi sa cogliere la densità dello spazio mancante, lo spessore dell’aria in vibrante attesa del suo ripieno d’amore. Franco Marabotto non si arrende al buio, trova in un francobollo di luce il primo gradino di una scala che permette di salire al cielo, fino alle chiome più alte degli antichi castagneti, fino al concetto di memoria e di amicizia in questo viaggio d’arte che, procedendo per angoli retti, disegna e chiude un cerchio perfetto di poesia”.

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente