La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 25 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Palazzo del Tribunale ancora con le transenne in attesa del via libera ai lavori

L'edificio è transennato da tempo in attesa del via libera ai lavori di risistemazione della facciata. “Purtroppo i passaggi da fare per arrivare all'intervento che consentirà di toglierle richiedono tempo”

Cuneo

La Guida - Palazzo del Tribunale ancora con le transenne in attesa del via libera ai lavori

L’edificio che ospita il Tribunale di Cuneo continua a essere transennato, in attesa del via libera ai lavori di risistemazione della facciata. L’immobile, posto sotto il vincolo della Sovrintendenza, è di proprietà del Comune, e la gestione è di competenza del Ministero della Giustizia. A fare il punto della situazione è il Comune con una nota stampa in cui spiega che l’iter per arrivare all’intervento di risistemazione della facciata è in corso, ma è particolarmente complesso perché composto da una serie di indispensabili passaggi autorizzativi. Il progetto definitivo è pronto ed è stata ottenuta a febbraio 2024, dopo tanti mesi di attesa, l’autorizzazione all’intervento da parte della Soprintendenza; ora si attende che dalla Direzione generale del Ministero preposto arrivi l’atto necessario per procedere con la gara d’appalto che servirà per affidare i lavori.

Una conferenza permanente a cui siedono rappresentanti del Ministero, della Procura, della Magistratura, del Tribunale e del Comune di Cuneo accompagna l’iter burocratico.

“Siamo consapevoli che le transenne in piazza Galimberti ne penalizzano la bellezza – spiega la sindaca, Patrizia Manassero – Purtroppo i passaggi da fare per arrivare all’intervento che consentirà di toglierle richiedono tempo, perché vi sono diversi enti coinvolti e sappiamo che nelle situazioni di non urgenza le tempistiche possono essere molto lunghe. Certamente non è tutto fermo. Le transenne non piacciono a nessuno, né a chi vive la città, né a chi vive il palazzo”.

Il Presidente del tribunale, Paolo Demarchi Albengo, sottolinea: “Siamo consapevoli del disagio per la cittadinanza e soprattutto dello “sfregio” a una piazza così bella, ma proprio perché occorre preservare questa piazza abbiamo dovuto attendere i necessari pareri della Soprintendenza e stiamo lavorando anche per la ritinteggiatura totale della facciata. Se i cittadini avranno la pazienza di aspettare ancora qualche mese, alla fine saranno ripagati”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente