La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 30 maggio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Restituiscono il dono dell’Acqua Sant’Anna

Alcuni valligiani, autori dell’iniziativa, spiegano la motivazione in una lettera: "Un bel gesto sarebbe provvedere alla riparazione del torto, magari evitando di incrementare ulteriormente gli affari”

Valle Stura

La Guida - Restituiscono il dono dell’Acqua Sant’Anna

Per Pasqua le Fonti Acqua Sant’Anna hanno omaggiato i residenti in Valle Stura di un pacco regalo. Un omaggio che ha fatto discutere. Alcuni valligiani hanno infatti declinato il regalo direttamente alla consegna, mentre altri hanno preferito riconsegnarlo alla società accompagnato da una lettera sottoscritta da 28 persone in cui spiegano perchè quel dono non è stato a loro gradito.
Di seguito il testo integrale della lettera.
“In questi giorni che precedono la Pasqua, in Valle Stura abbiamo assistito a un indaffarato via vai di volontari di associazioni varie e dipendenti di alcune amministrazioni comunali, uniti nel comune sforzo di consegnare a ogni famiglia della Valle i pacchi pasquali offerti dalle Fonti Sant’Anna. Se la Sant’Anna aveva piacere di consegnare il regalo pasquale ai valligiani, perché non ha mandato direttamente i suoi dipendenti?
Ma non è questo il fine della nostra lettera e nemmeno del gesto che intendiamo compiere.
Ancora di più ci ha stupiti il regalo in sé! Da buoni valligiani siamo piuttosto sospettosi nei confronti di chi ci gratifica con un regalo senza chiedere nulla in cambio: infatti da sempre si onora qualcuno con un regalo come gesto di affetto, come gesto di scusa o per conquistarlo.
Escluderemmo il primo caso poiché non ci sentiamo particolarmente amati dalle Fonti, visto che sottraggono miliardi di litri di acqua pubblica alla montagna per far soldi milionari, contribuiscono pesantemente a inquinare la Valle con il passaggio di centinaia e centinaia di tir e a rovinarne le strade creando un enorme disagio. Questo sta compromettendo fortemente la vocazione turistica della Valle Stura rendendo tutta la bassa valle decisamente poco attraente e pericolosa per la circolazione e annichilisce le prospettive di crescita di molte piccole attività imprenditoriali che si interrogano su quale sarà il domani di questo territorio. Nel nostro futuro, nel futuro dei nostri figli vorremmo vedere questa valle preservata nelle sue bellezze, nella sua unicità, valorizzata per quello che ha, non deturpata e sfruttata. Si può lavorare in sinergia con un territorio, ma prima di tutto occorre prendersene cura, come per la propria famiglia, perché la terra su cui viviamo e le sue risorse non sono nostre, sono solo in prestito.
Come gesto di scusa potrebbe andare bene, se le Fonti si sentissero in dovere di chiederci scusa per le loro azioni, nel qual caso sarebbe utile, oltre al bel gesto, anche provvedere alla riparazione al torto, magari evitando, come invece prospettato, di incrementare ulteriormente il business accontentandosi di ciò che già hanno e di quanto già fanno. In un momento in cui ci si sta focalizzando sul cercare di vivere in modo più sostenibile e leggero per l’ambiente occorrerebbe che proprio le grandi aziende dessero il buon esempio concretamente, fermandosi invece di aumentare e, in questo caso specifico, investendo in modo intelligente magari pensando a mezzi alternativi, meno impattanti e inquinanti.
Sul conquistare il favore della popolazione non vogliamo indagare, perché se così fosse sarebbe un gesto banale che svilisce e disprezza il destinatario.
Si è soliti dire in questi casi che il progresso non può essere fermato: noi diremmo che qui è il possesso a non conoscere limiti a scapito di una valle intera e del suo futuro.
Noi non siamo contrari all’imbottigliamento dell’acqua, perché è un diritto di tutti poterne usufruire, ma siamo contrari alla politica espansionistica che ha seguito e sta seguendo questa azienda, a discapito di una valle intera e delle persone che la abitano, senza curarsi di loro, del loro benessere, della loro qualità di vita e del territorio stesso.
Accontentatevi dell’impero che avete creato e non accrescetelo ulteriormente, questo sarebbe un regalo sicuramente più degno della dignità di questa valle e di chi la abita”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente