La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 14 aprile 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Fiamme nel bosco, assolto dall’accusa di incendio colposo

Nell'aprile 2022, in piena siccità, il proprietario del terreno accese un rogo che poi si propagò sulle alture sopra Borgo San Dalmazzo

La Guida - Fiamme nel bosco, assolto dall’accusa di incendio colposo

Borgo San Dalmazzo – È stato assolto dall’accusa di incendio colposo G. B., proprietario del terreno in località Madonna Bruna dal quale, secondo gli inquirenti, sarebbe partito il fuoco che a causa del vento forte del 16 aprile 2022, si estese in località Tetto Trucco e Tetto Tabuna, rischiando di lambire anche la pineta del bosco dell’Impero. Ad accorgersi delle fiamme furono alcuni savonesi che stavano trascorrendo le vacanze di Pasqua nella borgata dove possiedono dei terreni: “Con la mia compagna e un vicino abbiamo subito preso dei rastrelli e siamo andati dove c’erano le fiamme, sono stato nell’antincendio in Liguria per molti anni quindi ho iniziato a seguire il tracciolino spostandomi lungo il fronte dell’incendio. La mia compagna mi fece notare un accendino e dei cubetti accendifuoco su un ceppo vicino a un cumulo di foglie fumanti nel terreno che presumo fosse di G. B. perché avevamo sempre visto la sua auto lì vicina”.
Per domare le fiamme oltre all’intervento delle squadre dell’Aib fu necessario l’intervento del Canadair: “Segnalai la presenza dell’accendino e della diavolina al primo caposquadra e quando tornai indietro vicino al ceppo non c’erano più”.
“Mentre aspettavo il mio compagno – ha riferito l’altra testimone – è passata una signora che disse di essere amica dei proprietari del terreno e che era molto dispiaciuta perché il suo vicino non aveva dato ascolto alla moglie che gli aveva detto di non accendere il fuoco. Ci disse che lui ce l’aveva già in testa da alcuni giorni”.
Il proprietario del terreno, e imputato nel processo, si presentò sul luogo dell’incendio solo nel pomeriggio e gli altri testimoni lo videro parlare con i Carabinieri Forestali. “Non c’era un divieto di accendere fuochi in quel periodo ma dato che la situazione si era fatta critica, venne emanato il divieto nei giorni seguenti”. Per l’accusa le testimonianze delle persone intervenute a spegnere le fiamme avevano dato prova che il fuoco era partito dal terreno dell’imputato, per il quale è stata chiesta la condanna a un anno e due mesi di reclusione. Secondo la difesa però nessun testimone aveva dato prova della presenza dell’imputato quel giorno nel bosco e nessuno aveva potuto accertare l’esatta provenienza delle fiamme; per questo ha chiesto l’assoluzione del proprio assistito, richiesta accolta dal giudice che ha assolto l’uomo per non aver commesso il fatto.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente