La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 22 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cgil e Uil: salari falcidiati, pensione che si allontana e lavoro precario

Circa 350 persone hanno partecipato al presidio davanti alla Prefettura. Venerdì prossimo 24 novembre si replica con lo sciopero generale

La Guida - Cgil e Uil: salari falcidiati, pensione che si allontana e lavoro precario

Cuneo – Circa 350 persone hanno partecipato al presidio davanti alla Prefettura, manifestazione convocata da CGIL e UIL provinciali a sostegno dello sciopero generale degli addetti dei comparti della Pubblica Amministrazione, delle Poste Italiane, della Sanità, della Scuola e dei Trasporti. Venerdì prossimo 24 novembre si replica con lo sciopero generale di tutti gli altri settori produttivi. L’appuntamento è in piazza Galimberti a Cuneo, alle ore 10.

Sono intervenuti delegate e delegati dei settori coinvolti a testimoniare delle difficoltà che si stanno vivendo: salari falcidiati dall’inflazione, mancati rinnovi contrattuali, maturazione della pensione che si allontana come un miraggio e tanto lavoro precario che toglie certezze e spazza via il futuro di giovani e meno giovani.
I delegati di Sanità e Scuola hanno lanciato un grido di allarme per le enormi difficoltà che le lavoratrici e i lavoratori stanno attraversando nel garantire un servizio pubblico di qualità.
In Sanità mancano infermieri e medici, si allungano le liste di attesa e le assunzioni tardano a venire. Aumentano gli straordinari e le tensioni nel rapporto con l’utenza che legittimamente chiede di essere assistita in tempi ragionevoli.
La Scuola patisce l’ennesimo dimensionamento della rete territoriale, con conseguente crescita delle “classi pollaio”. Mancano insegnati, collaboratori amministrativi e risorse per le strutture didattiche.
Le Poste Italiane registrano condizioni di lavoro in forte peggioramento. All’orizzonte spunta una nuova privatizzazione del comparto spedizioni. E’ facile prevedere disagi crescenti per i piccoli comuni e le vallate in cui il servizio recapiti e il presidio degli uffici si è fortemente ridotto nella stagione del COVID e non è più stato ripristinato.
Anche nei Trasporti pubblici e privati il comune denominatore è il deteriorarsi delle condizioni di lavoro e l’impoverimento delle retribuzioni. Gli addetti al servizio corrieri sono ridotti all’osso e sottoposti a carichi di lavoro pressanti. Una situazione che mette a forte rischio l’incolumità degli autisti che già devono scontare, unitamente a tutti noi, l’inadeguatezza e la pericolosità della rete stradale provinciale.

Piertomaso Bergesio, Segretario generale CGIL Cuneo e Armando Dagna, Segretario generale UIL Cuneo: “Esprimiamo soddisfazione per l’esito dello sciopero generale. Nonostante la necessità di garantire i servizi pubblici essenziali e gli interventi sguaiati del Ministro Salvini, abbiamo registrato l’adesione di realtà pubbliche e private che tradizionalmente faticavano a scioperare. Sentiamo crescere la volontà di cambiamento di cittadine e cittadini fortemente preoccupati per la situazione economica e sociale del Paese. Ci uniamo simbolicamente alle 60 piazza italiane che oggi hanno manifestato contro una manovra di bilancio ingiusta e iniqua e per coltivare la speranza di vivere in un paese migliore che applica pienamente la nostra Costituzione. Le lavoratrici e i lavoratori, le pensionate e i pensionati versano il 95% del gettito fiscale IRPEF. Hanno il diritto di chiedere al Governo interventi efficaci e rispondenti ai loro fabbisogni. Si aspettano risposte serie, non vogliono mance o false promesse elettorali che si rivelano bugie”.

Sciopero generale del 17 novembre 2023

Sciopero generale del 17 novembre 2023

Sciopero generale del 17 novembre 2023

Sciopero generale del 17 novembre 2023

Sciopero generale del 17 novembre 2023

Sciopero generale del 17 novembre 2023

Sciopero generale del 17 novembre 2023

Sciopero generale del 17 novembre 2023

Sciopero generale 17 novembre 2023

Sciopero generale 17 novembre 2023

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente