La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 23 maggio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Che cosa si distrugge e che cosa ci sarà nell’area ex Enel che rinasce e si trasforma (video)

Un McDonald's, un supermercato, uffici, pista ciclopedonale, 179 posti auto e quasi 10 mila metri quadrati di verde

La Guida - Che cosa si distrugge e che cosa ci sarà nell’area ex Enel che rinasce e si trasforma (video)

Cuneo – Un supermercato, un McDonald’s del tipo McDrive, e un edificio a uso terziario, tanto verde e 179 posti auto, la continuazione della pista ciclopedonale. Questo è quanto sorgerà nell’area ex Enel, una grande zona compresa tra via Vecchia di Borgo, via Pertini e corso Francia, dove in queste ultime tre settimane sono iniziate le demolizioni.

Il progetto prevede un impatto planimetrico decisamente inferiore all’attuale composto da tre edifici: da 6.300 metri quadrati di brutte, sporche, pericolose e abbandonate costruzioni per lasciare spazio a un’area costruita di circa la metà, ovvero 3.000 metri quadrati. La cosiddetta area libera, cioè l’area permeabile, triplica, salendo dagli attuali 4.663 mq agli 11.718 mq a costruzioni finite e di questi ben 9.775 mq saranno a verde.

Tutte le immagini e i dettagli del progetto su La Guida in edicola o disponibile in formato digitale oggi 9 novembre.

area ex enel

area ex enel

area ex enel

area ex enel

area ex enel

area ex enel

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente