La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 25 maggio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Un dono dall’Ail Cuneo Paolo Rubino all’ospedale di Cuneo

Dotazioni tecnologiche e studio che pongono Cuneo ai vertici della cura della malattie leucemiche

La Guida - Un dono dall’Ail Cuneo Paolo Rubino all’ospedale di Cuneo

Cuneo – 140 mila euro da parte dell’Ail Cuneo “Paolo Rubino” son0 stati donati ai reparti di Ematologia, di Immunoematologia e medicina tarsfusionale (Simt) e Radioterapia dell’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle. Contributi che sono finiti per lo studio e la tecnologia per migliorare le terapie di chi è colpito da leucemie e tumori del sangue. Attrezzatture, arredi e sistemi di monitoraggio messi a disposizione che migliorano la cura del paziente e le loro prospettiva di vita, ma anche il lavoro dei medici e posizionano l’ospedale di Cuneo ai vertici della cura delle malattie leucemiche, specie dei cosiddetti “Studi clinici di Fase 1”, ponendo Cuneo tra i quattro ospedali del Piemonte, e unico extra-Torino, in questa fase innovativa di studio clinico.

Sono state presentate oggi nel Salone d’onore dell’Ospedale alla presenza del commissario del Santa Croce Livio Tranchida, dalla presidente e dal vicepresidfente Ail Cuneo, Anna Rubino e Fausto Brignone e dai tre direttori di Ematologia Massimo Massaia, di Radioterapia Anna Merlotti e del SIMT Paola Maria Manzini.

Negli ultimi 5 anni Ail, che affianca dalla sua nascita la struttura di Ematologia dell’ospedale di Cuneo, ha donato al Santa Croce 454 mila euro, per strumentazioni, borse di studio, convegni e corsi. Dei 140 mila euro erogati nell’ultimo anno, oltre 95 mila sono stati destinati agli strumenti per le innovative terapie CAR-T e per l’avvio delle sperimentazioni di Fase I,  una terapia innovativa che offre ai pazienti con linfomi aggressivi, una possibilità ulteriore per provare a controllare la malattia, con un importante aumento della sopravvivenza, e una possibilità di guarigione in circa il 40% dei casi, mentre oltre 29 mila euro sono serviti per l’acquisto di un nuovo strumento per la radioterapia che sarà utile non solo ai pazienti ematologici. Oltre 16 mila euro, infine, sono stati impiegati per macchine per la filtrazione dell’aria negli ambulatori di visita, poltrone elettriche e cyclette per il reparto, sedute per le terapie e TV per il Day Hospital.

“La rendicontazione della serie di donazioni che abbiamo fatto negli ultimi 12 mesi all’ospedale di Cuneo per progetti legati al reparto di Ematologia, non è un’autocelebrazione ma un atto di ringraziamento dovuto a quanti ci sostengono da sempre con fiducia e generosità. – ha detto Anna Rubino, presidente Ail Cuneo Sezione “Paolo Rubino”-. Il nostro obiettivo è far sì che i pazienti possano essere curati al meglio, questo significa anche permettere agli operatori di poter lavorare con i mezzi più aggiornati nel più breve tempo possibile. Il messaggio che ripetiamo da quasi 25 anni è che tutto questo si può fare solo insieme e per arrivarci abbiamo bisogno di tutti: sostenitori, personale sanitario, istituzione ospedaliera, altre associazioni e soprattutto pazienti, dal cui ascolto sono nate buona parte delle donazioni”.
“Uno dei tanti motivi per cui sono rimasto a Cuneo – spiega il direttore di Ematologia Massimo Massaia – è anche la presenza dell’Ail. Con loro negli ultimi anni abbiamo concentrato l’attenzione su attività di trapianto, sul progetto di CAR-T e, infine, sull’avvio della Fase I che ci consentirà, unico centro piemontese fuori dall’area torinese (ce ne sono 3 a Torino, 12 in Lombardia e 5 in Emilia Romagna) a ottenere farmaci efficaci prima della loro commercializzazione. Tutto il lavoro è merito di un team nel quale sono reclutati colleghi di molte specialità”
Tra questi anche la Radioterapia con il direttore Anna Merlotti e i suoi colleghi: “Lavoriamo insieme a tutte le specialità chirurgiche e mediche che si occupano di malati oncologici – spiega -. Dall’Ail abbiamo ottenuto uno strumento che utilizziamo per l’irradiazione corporea totale dei pazienti, anche non ematologici.”
“La collaborazione con le associazioni è per noi fondamentale – ha chiuso Livio Tranchida, Commissario dell’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle – poiché esse rappresentano una risorsa importantissima nel complesso e delicato mondo ospedaliero e un legame stretto con il territorio. In particolare, in questo contesto, il rapporto ultra-ventennale con Ail Cuneo ha portato un notevole valore aggiunto all’attività del nostro ospedale, con un contributo notevole nella realizzazione del nuovo reparto e supportando, con l’acquisizione di apparecchiature e arredi, l’attività e i progetti più innovativi. Ail è anche punto di riferimento per i tanti pazienti e i loro familiari, attraverso iniziative di umanizzazione e di sostegno nel lungo percorso di cura che essi devono affrontare. Grazie infine, e in particolare, per le ultime preziosissime donazioni che arricchiscono il parco delle apparecchiature del progetto CAR-T, ultima frontiera della scienza, in campo onco-ematologico per aumentare le speranze di guarigione nei pazienti colpiti da forme più aggressive di malattia.”

 

Un dono dell'Ail all'ospedale

Un dono dell’Ail all’ospedale

Un dono dell'Ail all'ospedale

Un dono dell’Ail all’ospedale

Massimo Massaia

Massimo Massaia

Un dono dall'Ail Cuneo Paolo Rubino all'ospedale di Cuneo

Un dono dall’Ail Cuneo Paolo Rubino all’ospedale di Cuneo

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente