La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 22 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Contributo di 100 euro a chi possiede un diesel Euro 3, 4 e 5

La Regione mette a disposizione 100.000 buoni da 100 euro ciascuno da richiedere dal 30 ottobre per l’acquisto degli abbonamenti annuali a bus, treni e metropolitana

La Guida - Contributo di 100 euro a chi possiede un diesel Euro 3, 4 e 5

Risparmio economico e qualità dell’aria: la Regione Piemonte promuove l’uso del trasporto pubblico con 100.000 buoni da 100 euro ciascuno da richiedere dal 30 ottobre per l’acquisto degli abbonamenti annuali a bus, treni e metropolitana e per gli abbonamenti plurimensili studenti, oltre che il rimborso di quelli comprati dal 1° settembre.
Il buono sarà acquistabile online su www.regione.piemonte.it/bonustrasporti e nelle biglietterie delle aziende di trasporto pubblico dai possessori di veicoli diesel Euro 3, 4 e 5 o dai loro famigliari. Inoltre, è cumulabile con quello trasporti nazionale ed è applicabile a tutte le tariffe agevolate (abbonamenti per studenti, per anziani o altri a prezzo ridotto) proposti dalle varie aziende. Può essere chiesto anche dall’amministratore delegato o da un dipendente dell’azienda a cui è intestato il mezzo.
§Lo scopo è promuovere l’uso dei mezzi pubblici su tutto il territorio piemontese per gli spostamenti quotidiani. Altri 100.000 bonus saranno disponibili nel 2024 e nel 2025.
A presentare l’iniziativa il presidente Alberto Cirio, gli assessori regionali all’Ambiente Matteo Marnati e ai Trasporti Marco Gabusi, e il sindaco di Torino Stefano Lo Russo.

Come funziona

Chi deve ancora acquistare l’abbonamento entrerà nel sito con Spid, carta di identità elettronica o Carta nazionale dei servizi, registrare i propri dati e dichiara di possedere un veicolo diesel Euro 3, 4,e 5. Il bonus potrà essere richiesto per il proprietario dell’auto o per un suo famigliare. Una volta compilato il modulo, sarà possibile stampare una ricevuta con il codice che dà diritto allo sconto e che potrà essere inserito sulle piattaforme di e-commerce per gli acquisti online, oppure consegnato in biglietteria all’atto dell’acquisto dell’abbonamento. Deve essere “speso” entro la fine del mese in corso.

Chi invece ha già acquistato l’abbonamento e ha le caratteristiche di idoneità per il bonus, potrà usufruirne come rimborso. Anche in questo caso, la procedura dovrà essere svolta online caricando su un apposito modulo la ricevuta di acquisto dell’abbonamento con validità dal 1° settembre per poter ricevere il rimborso con un bonifico. Questa modalità sarà attiva anche se si acquistano abbonamenti nelle tabaccherie o attraverso canali indiretti di vendita.

La misura è finanziata con 24 milioni di euro (10 milioni per periodo 09/2023-04/2024, 8 per il periodo (08/2024-04/2025), 6 per il periodo 08/2025-04/2026) e fa parte di un pacchetto di interventi a supporto delle famiglie per incentivare l’uso quotidiano dei mezzi pubblici a tutela dell’ambiente e per favorire la mobilità sostenibile e collettiva.

Una misura senza precedenti

Il presidente Cirio ha dichiarato nel corso della presentazione che “è una misura che non ha precedenti in Piemonte per principio ed entità. utilizza risorse che arrivano dal Governo e ci permette di dimostrare che la nostra battaglia per la qualità dell’aria non ha soste. Stiamo parlando di 24 milioni di euro che vanno nelle tasche dei cittadini per incentivare l’utilizzo del mezzo pubblico. Crediamo di aver fatto un passo avanti importante, che ha un beneficio sulle persone ma anche sulla qualità dell’aria, perché alla fine dell’operazione sommeremo i 100.000 abbonamenti, che corrisponderanno a qualche migliaio di chilometri non fatti in auto mi con il mezzo pubblico e ad un risparmio di inquinamento nell’aria che vuol dire aria più pulita per tutti”.

“Il buono – ha proseguito il presidente – è rivolto ai possessori di veicoli che, per le regole anti-smog, subiscono limitazioni alla circolazione, come i diesel Euro 3 e 4, o le subiranno dal 2025 come stabilito dal Governo. È un investimento importante che la Regione mette in campo per aiutare le famiglie che fanno una scelta a favore dell’ambiente in un momento in cui le spese sono tante e il caro vita si fa sentire”.

“Questa misura nasce per poter aiutare economicamente chi si trova in difficoltà a spostarsi con l’automobile – ha affermato l’assessore Marnati – Ma è anche un’occasione per incentivare l’uso del trasporto pubblico locale e rendere più consapevoli i cittadini che è necessario usare un mezzo pubblico per via della congestione del traffico. Questa – ha anticipato – è solo una prima parte di un pacchetto di diversi interventi che la Regione Piemonte sta predisponendo per favorire l’uso del trasporto pubblico locale all’interno del Piano per la tutela dell’aria e per la riduzione di inquinanti in atmosfera”.

L’assessore Gabusi si è soffermato sul fatto che “il bonus si aggiunge alla sottoscrizione del nuovo contratto ferroviario con Trenitalia e al piano di rinnovo di treni e bus, che mirano ad attrarre sempre più passeggeri sul trasporto pubblico locale, migliorandone la qualità e l’efficienza per rispondere ai bisogni crescenti di mobilità sostenibile dei cittadini. Il trasporto pubblico locale in Piemonte, nonostante le difficoltà legate al Covid prima e al caro carburante oggi, non ha subito alcun taglio di risorse e ha visto la Regione sottoscrivere due contratti ferroviari che consentono di avere finalmente 71 treni nuovi sul nostro territorio, oltre alla riapertura di due linee ferroviarie dopo oltre 12 anni. Questi investimenti trovano conferme positivi nei dati: nel primi mesi del 2023 i passeggeri sui treni piemontesi sono aumentati del 27%, a riprova della bontà del lavoro svolto”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente