La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 17 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nostra Signora delle Grazie di Mellea

Un invito a visitare e sostare per qualche momento nel santuario di Nostra Signora delle Grazie di Mellea

La Guida - Nostra Signora delle Grazie di Mellea

Un invito a visitare e sostare per qualche momento nel santuario di Nostra Signora delle Grazie di Mellea. Silenzio e pace accolgono il pellegrino come qualsiasi passante. Un’atmosfera che non è cambiata da quando nel XVI secolo quel luogo divenne meta di pellegrinaggi a seguito dell’apparizione di Maria.
Il libro ricostruisce il quadro delle vicende che risalgono al 1537 quando, il 20 maggio, un uomo gravemente malato si ferma in quel luogo per una pausa nel suo lungo viaggio in cerca di un medico. Un momento di riposo che sconvolge la sua vita allorché gli appare “seduta su un sasso, una Donna maestosa e risplendente”, a cui la persona si affida totalmente ritrovandosi subito guarito.
La notizia si diffonde. La pietra nella boscaglia diventa meta di pellegrini. Alcuni ricevono anche grazie di guarigione tanto che il vescovo di Alba concede l’autorizzazione per costruirvi una cappella dedicata alla Vergine Maria, affidata alla cura di una confraternita presente a Farigliano.
Il santuario subisce le guerre di religione e nel XVII secolo, dopo pochi anni di presenza dei Cistercensi, viene affidato ai Francescani. Rimarranno custodi del santuario fino al 2009 quando, per scarsità di vocazioni, sono costretti ad abbandonare quel luogo.
È però l’inizio di una nuova vita. Il forte legame del santuario col territorio si esprime in una grande raccolta di firme per scongiurare il pericolo di chiusura che sfocia nell’affidare la cura del santuario alla Comunità Papa Giovanni XXIII. Attraverso questa scelta il santuario può proseguire quella storia di accoglienza che ha contraddistinto nel tempo quell’oasi di pace.

 

Nostra Signora delle Grazie di Mellea
Giona Cravanzola
Sempre
16 euro

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente