La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 20 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Peste suina africana, origini e caratteristiche

Non si trasmette all’uomo ma è molto contagiosa a causa dei cinghiali e in genere è letale per i maiali

La Guida - Peste suina africana, origini e caratteristiche

Cuneo – Si sente sempre più spesso parlare, soprattutto da fine dicembre 2021 con i primi casi scoperti tra Piemonte e Liguria, di “Psa”, cioè peste suina africana. Si tratta di una malattia animale non trasmettibile all’uomo, di origine virale, che colpisce “suidi” (in particolare maiali e cinghiali) con una diffusione molto aggressiva e con esiti spesso mortali.

Il primo scoppio di un’epidemia da Psa fu registrata in Kenya nel 1907, e proprio dal “continente nero” prese il suo nome.

La malattia rimase confinata all’Africa subsahariana fino al 1957, quando fu segnalata per la prima volta in Portogallo; si radicò nella penisola iberica e scoppi sporadici si verificarono in Francia, Belgio e altri Paesi europei durante gli anni Ottanta.

La presenza della Psa in Europa è in rapida evoluzione dopo che, nel 2007, si sono sviluppati focolai infettivi in Georgia, Armenia, Azerbaigian, Russia europea, Ucraina e Bielorussia. E, più recentemente, anche in Germania.

La Psa si diffonde attraverso il contatto con animali che l’hanno contratta per ingestione o con punture di zecche, oppure ancora tramite attrezzature contaminate (ad esempio, camion e mezzi con cui vengono trasportati gli animali).

Lo sviluppo della malattia, in particolare nelle prime fasi, risulta positivamente correlato con la densità e la dimensione delle popolazioni di cinghiali; in altre parole, la proliferazione dei cinghiali sul territorio costituisce uno dei principali veicoli di diffusione della peste suina africana.

Questa malattia animale, molto contagiosa, è caratterizzata da febbre alta, perdita di appetito, emorragie cutanee e degli organi interni dal decorso frequentemente letale in tempi brevi (da due a dieci giorni dall’infezione).

Non esistono né vaccini né cure, pertanto la peste suina africana rappresenta una gravissima minaccia per la suinicoltura e impone l’adozione di tutte le misure utili per prevenirne la diffusione, soprattutto in una provincia suinicola come la Granda.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente