La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 18 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

A Confreria il nuovo Carle sarà pronto nel 2028

La Regione sborsa 148 milioni dei 410 necessari e poi per vent’anni un canone tra investimento e servizi di 45 milioni all'anno

La Guida - A Confreria il nuovo Carle sarà pronto nel 2028

Cuneo – A Confreria il nuovo ospedale di Cuneo sul sito del Carle sarà pronto e operativo nel dicembre del 2028. Lo ha riferito l’assessore regionale alla sanità Luigi Genesio Icardi insieme al presdiente Alberto Cirio presentando il cronoprogramma che porterà alla costruzione del nuovo ospedale hub della provincia di Cuneo.La scelta è fatta, il nuovo ospedale di Cuneo sarà costruito con un partenariato pubblico privato.

“Gli esiti dell’analisi comparativa commissionata dall’Azienda ospedaliera – dice l’assessore Luigi Genesio Icardi – tra i diversi sistemi di finanziamento dell’opera fanno ritenere la proposta di partenariato pubblico privato più conveniente rispetto all’appalto ordinario e alla locazione Inail. È una valutazione che tiene conto degli aspetti economici e finanziari, ma anche di fattori qualitativi e motivazionali, come l’impatto sociale della riduzione dei tempi di costruzione del nuovo ospedale, che nel caso del partenariato verrebbe costruito nel giro di cinque anni, contro una tempistica media di realizzazione delle opere pubbliche complesse in Italia di circa quindici anni”.

Per leggere questo contenuto devi essere abbonato all’edizione digitale de La Guida.

Abbonati qui

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente