La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 7 dicembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

A Cuneo per l’accusa di diffamazione la “iena” Giulio Golia

Un tecnico ortopedico di Savigliano e un amputato, un'idea contesa e un brevetto, una frase incriminata

La Guida - A Cuneo per l’accusa di diffamazione la “iena” Giulio Golia
Savigliano – Dopo aver subito l’amputazione delle gambe, il signor M., di origine trevigiana, aveva progettato un innovativo sistema di protesi per arti che funzionava a pressione e durante l’Exposanità di Bologna aveva conosciuto un tecnico ortopedico di Savigliano con il quale era iniziata una collaborazione che durò alcuni mesi a cavallo tra il 2011 e il 2012 al fine di portare a realizzazione il progetto. I rapporti tra i due però si interruppero perché l’ortopedico non era soddisfatto di come procedeva la sperimentazione e della modalità di lavoro del collega. Dopo alcuni mesi dall’interruzione della loro collaborazione, il signor M. scoprì che l’ortopedico saviglianese aveva brevettato un sistema che, a suo dire, ricalcava quello di sua ideazione e sentendosi defraudato dell’invenzione, si rivolse alla trasmissione di Italia 1 “Le Iene” per denunciare il fatto. La redazione della trasmissione prese in carico la segnalazione e la “iena” Giulio Golia, che realizzò il servizio intervistando entrambi i protagonisti della vicenda, è stato denunciato con l’accusa di diffamazione per aver detto, nella parte del servizio registrata in studio, che “da una parte c’è il classico inventore e dall’altra il furbetto che ha fiutato il business e si è intascato l’idea”. Chiamato in aula a deporre nel corso dell’ultima udienza, Golia ha spiegato come la redazione sceglie e tratta le segnalazioni che arrivano prima che queste diventino un servizio televisivo: “Controlliamo le fonti e tutti i documenti a nostra disposizione confrontandoci anche con il nostro ufficio legale, poi ci rechiamo sul posto per le interviste, di cui tagliamo solo le pause e tempi morti. Utilizziamo un copione solo nella parte registrata in studio dove spieghiamo il fatto”. Golia ha quindi detto di essere rimasto stupito quando il tecnico ortopedico gli mostrò documenti in inglese per dimostrare che l’idea fosse una sua intuizione: “Erano documenti in inglese e la nostra sensazione fu che non possedesse la cognizione dei documenti che ci mostrava e che comunque erano datati dopo la presentazione del brevetto”. Proprio riguardo a questi documenti, il tecnico ortopedico aveva invece già riferito al giudice che si trattava di una ricerca del 1999 e relativa a un sistema ancora precedente. L’udienza è stata quindi rinviata al 17 novembre per gli ultimi testimoni e la discussione.
Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente