La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 24 febbraio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Caporalato nel saluzzese, sindacati accolti come parte civile

Sì del giudice alla richiesta di Flai, Cgil e associazione Sicurezza e Lavoro, nel processo scaturito dalle indagini su "Momo" e lo sfruttamento di braccianti

La Guida - Caporalato nel saluzzese, sindacati accolti come parte civile

Cuneo – Al processo per sfruttamento della manodopera agricola di lavoratori stranieri, nel corso dell’ultima udienza il giudice Alice Di Maio ha accolto la costituzione di parte civile di Flai Cgil e dell’associazione Sicurezza e Lavoro, in rappresentanza dei lavoratori assunti dalla due imprese di Lagnasco e Barge che, con l’intermediazione di un ex lavoratore proveniente dal Burkina Faso, sfruttavano i braccianti sottopagandoli e imponendo condizioni di lavoro estremamente dure facendo leva sul loro stato di bisogno. Alla richiesta delle due sigle sindacali si erano opposte le difese degli imputati che avevano evidenziato che dal reato contestato non sarebbe derivato un danno diretto alle associaizoni sindacali. Il giudice ha invece ritenuto legittima la richiesta dei sindacati in quanto il reato contestato avrebbe leso un interesse specifico della ragione d’essere delle associaizoni sindacali. Alla prossima udienza fissata per il 23 novembre verranno ascoltati i primi testi.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente