La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 15 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ridateci il treno delle 17,24 da Cuneo a Torino!

È stato soppresso ma il gruppo pendolari ne chiede il ripristino: sono costretti ad attendere il treno successivo, che parte alle 18,12 che cambia a Fossano con tempi più lunghi

La Guida - Ridateci il treno delle 17,24 da Cuneo a Torino!

Cuneo – “Ridateci il treno delle 17,24 da Cuneo a Torino!”. Lo chiede il gruppo pendolari Cuneo-Torino con una lettera scritta “per segnalare un grave disservizio che ha colpito i pendolari che utilizzano la tratta Torino-Cuneo a partire da lunedì 5 maggio”.

“Con l’avvio della cosiddetta “Fase 2”, Trenitalia ha infatti deciso, inspiegabilmente, di sopprimere il treno Cuneo-Torino delle ore 17.24, mantenendolo solo nel fine settimana”, si legge nella lettera”.
Il treno in questione è utilizzato da molti pendolari perché effettua solo le principali fermate ed è compatibile con gli orari lavorativi di gran parte di loro. Anche in caso di sciopero, infatti, rientra tra i treni garantiti- I pendolari sono al momento costretti ad attendere il treno successivo, che parte alle 18.12, prevede il cambio a Fossano con il treno proveniente da Ventimiglia e quindi ha tempi di percorrenza decisamente maggiori”, prosegue la lettera. “Tale decisione appare incomprensibile, oltre che dannosa, tenendo conto che invece si è scelto di mantenere il treno delle 16.12, che circola semivuoto anche nei periodi normali”.
Il gruppo pendolari Cuneo-Torino chiede che il treno soppresso venga ripristinato al più preso, aggiungendo che sarebbe importante anche reintrodurre il REG 22965 delle ore 7.25 da Fossano, utile ai pendolari per arrivare entro le ore 8 al lavoro. “Siamo coscienti della criticità del periodo ma le fasce di maggior utilizzo riteniamo che debbano essere garantite comunque, sia in direzione Torino che in direzione Cuneo, e anche su tutte le altre tratte del Piemonte”, conclude la lettera.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente