La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 25 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Maxi frana sulla parete Nord del Monviso

La zona interessata dalla frana è la cresta dei “Torrioni del Sucai”, vicina al “canalone del Coolidge. Nel 1992 si era già verificato un grosso movimento  franoso

La Guida - Maxi frana sulla parete Nord del Monviso

Crissolo  – Ghiaccio, neve e rocce: una parte della parete Nord del Monviso è franata. Oggi è difficile calcolare quanti metri cubi di materiale sono scesi a valle. Nel giorno di Santo Stefano, in alta quota, in alta Valle Po, c’è stato un forte boato: sul “Re di pietra” si è staccata un frana di importanti dimensioni. Il distacco si è verificato a 3.300 metri di altitudine. Si tratta di un movimento franoso che riguarda il Monviso ed è attivo dall’inizio degli anni Novanta. Circa 20 giorni fa è caduto un intero torrione e a Santo Stefano c’è stato l’ultimo crollo: numerosi alpinisti e sciatori che si trovavano a Crissolo hanno anche ripreso con macchine fotografiche e telefonini  quanto stava accadendo. La zona interessata dalla frana è la cresta dei “Torrioni del Sucai”, vicina al “canalone del Coolidge”, lungo la via di ascensione classica della parete Nord. Nel 1992 si era già verificata una grossa frana, in inverno, ma leggermente più in basso dove si è verificato l’ultimo movimento di questi giorni. Le mutate condizioni climatiche, con le temperature alte e inconsuete, favoriscono il formarsi degli eventi franosi.  Dal Soccorso alpino, parte l’invito a tutti gli alpinisti prestare la massima attenzione quando si sale in alta quota.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente