La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 17 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Inizia il censimento permanente

Dal 1° ottobre la rilevazione avverrà con cadenza annuale e non più decennale e riguarderà solo un campione statistico, pari ogni anno a circa 1.400.000 famiglie

La Guida - Inizia il censimento permanente

Cuneo – Il 1° ottobre prende il via il cnsimento permanente della popolazione e delle abitazioni, al fine di misurare le principali caratteristiche socio-economiche della popolazione dimorante abitualmente in Italia.

Per la prima volta l’Istat effettua la rilevazione censuaria con cadenza annuale e non più decennale e non verranno coinvolte tutte le famiglie nello stesso momento, ma solo un “campione” di esse. Ogni anno, infatti, saranno chiamate a partecipare circa 1 milione e 400 mila famiglie, in 2800 comuni.

“Ricordiamo – spiega il Comune nel comunicato di presentazione – che per i cittadini aderire è un obbligo. Le informazioni raccolte saranno trattate nel rispetto della normativa in materia di tutela del segreto statistico e di protezione dei dati personali, mentre i risultati della rilevazione saranno diffusi in forma aggregata, rendendo pertanto impossibile risalire ai soggetti a cui si riferiscono”.

Le rilevazioni censuarie previste con cadenza annuale sono due: la rilevazione Areale (A) e la rilevazione da Lista (L).

Le due rilevazioni hanno un disegno e tecniche di indagine differenti, ma adottano lo stesso questionario.

L’obiettivo principale della rilevazione Areale è acquisire informazioni valide per il calcolo della popolazione di ciascun comune italiano. La fase 1 della rilevazione Areale si svolge dal 1° ottobre al 9 ottobre. Il rilevatore effettuerà una serie di azioni mirate a informare la popolazione (affiggere le locandine, distribuire le lettere informative alle famiglie, ecc.) in merito alla sua successiva visita nel corso della quale le famiglie saranno intervistate. La fase 2 prenderà avvio il 10 ottobre e si concluderà il 9 novembre con la fase del porta a porta. In questa fase tutte le famiglie abitualmente dimoranti presso l’indirizzo assegnato dovranno essere intervistate.

Nella rilevazione da Lista ciascuna famiglia campionata sarà sottoposto un questionario per ottenere dati circa le variabili socio economiche di interesse. Al campione di famiglie estratte l’Istat invia una lettera informativa di invito a partecipare alla rilevazione con le principali informazioni su obiettivi della rilevazione e la segnalazione dell’obbligo di risposta e il numero verde (800.811.177) al quale rivolgersi per avere assistenza.

Le famiglie estratte potranno rispondere autonomamente tramite il questionario online (Computer Assisted Web Interviewing) oppure recandosi presso l’ufficio Statistica, Toponomastica e Censimenti del Comune (in via Roma 37 – previo appuntamento da concordare telefonando a partire dall’8 ottobre al 0171-444308 o 0171-444305). A partire dall’8 novembre entreranno in campo i rilevatori, che dovranno recuperare i dati dei soggetti che ancora non hanno risposto e condurranno interviste faccia a faccia presso il domicilio della famiglia. Gli operatori di back office potranno intervistare la famiglia telefonicamente.

La fase 1, quella della compilazione via web inizierà l’8 ottobre e si concluderà il 7 novembre. La fase 2, di recupero delle mancate risposte, prenderà avvio l’8 novembre e si concluderà il 20 dicembre, data di chiusura di tutta la rilevazione.

Per maggiori informazioni: https://www.istat.it/it/censimenti-permanenti/popolazione-e-abitazioni.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.