La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 25 settembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Le strade rovinate da pioggia e lavori: buche, disagi e pericoli

Il manto viabile si presenta in condizioni critiche in diverse zone della città e delle frazioni

La Guida - Le strade rovinate da pioggia e lavori: buche, disagi e pericoli

Cuneo – Le piogge dell’ultimo periodo si sono fatte sentire anche sulle strade, sulle condizioni del manto viabile nel centro città e nelle frazioni, oltre a tanti collegamenti extraurbani. In particolare, pioggia e freddo hanno amplificato l’effetto dei lavori già realizzati.

Un tratto di via XXVIII Aprile a Cuneo
Lamentele giungono da via XXVIII Aprile, dove commercianti e residenti puntano il dito contro “una situazione critica e vergognosa” e chiedono che si intervenga seriamente.
La strada, nella lettera di alcuni operatori del commercio, è “ormai mitragliata di buche anche molto pericolose per i passanti e le vetrine dei negozi”.
Anche altre zone fanno registrare lamentele tra gli utenti della strada, a partire da piazza Galimberti e dintorni; sotto accusa anche via Valle Maira dal viadotto Soleri verso la prima rotatoria verso Confreria e la vicina via del Passatore (nella foto in alto e qui sotto), nel primo tratto è martoriata e con un pezzo di marciapiede chiuso.

Il marciapiede di via del Passatore a Cerialdo

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.