La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 20 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Albergatori cuneesi contro la tassa di soggiorno

“La tassa di soggiorno non rappresenta la volontà degli albergatori della città di Cuneo e non siamo affatto d’accordo con quanto deliberato dal Comune”

La Guida - Albergatori cuneesi contro la tassa di soggiorno

Cuneo – Albergatori di Cuneo contro la tassa di soggiorno che il Comune di Cuneo ha voluto approvata e deliberata dal Comune di Cuneo e che sarà in vigore dal 1° luglio per sei mesi in via sperimentale. Una tassa che varia da 0,50 ai 3 euro, ma che su Cuneo sin realtà si ferma a 2 euro perché non ci sono alberghi a cinque stelle.
“La tassa di soggiorno deliberata dal Consiglio di Cuneo non rappresenta la volontà degli albergatori della città di Cuneo e l’Associazione Albergatori Confcommercio non è affatto d’accordo con quanto deliberato dal Comune – così ha commentato Giorgio Chiesa vice presidente vicario dell’Associazione Albergatori Esercenti e Operatori Turistici della provincia di Cuneo -. Non eravamo contrari a prescindere ma chiedevamo di poterne discutere, di ragionare su quale poteva essere la scelta migliore. Invece inspiegabilmente il Comune ha accelerato i tempi, con la scusa di dover inserire il provvedimento a bilancio. Questa fretta ci fa pensare che non c’era la volontà di dialogare ma solo quella di incassare. Inoltre, contando che l’80 per cento dei clienti che soggiornano in città lo fanno per motivi di business, spesso legati alle aziende del territorio, la cifra stabilita di due euro è davvero eccessiva. Cuneo non è una città turistica e creare una tassazione a macchia di leopardo, con aree senza imposta o altre, più turistiche di noi a prezzi inferiori o pari, significa mandare i clienti a dormire nelle città vicine. La partita è stata giocata male e troppo di fretta, noi temiamo che si trasformi in un autogol”.
Ed è proprio la questione del “turismo di business”, cioè della presenza negli alberghi per motivi di lavoro che fa crescere la protesta, oltre al fatto della rapidità con cui l’assessore Luca Serale e la Giunta hanno voluto inserire la norma. E a peggiorare la situazione c’è anche la questione che Cuneo è quasi un caso isolato perché la tassa di soggiorno nel territorio dell’Atl è solo per il comune turistico di Limone Piemonte e per Saluzzo.
“Nessuno può permettersi – commenta Luca Chiapella, presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo – di dire che sono state le associazioni di categoria a sollevare, anzi a sollecitare l’applicazione della tassa di soggiorno. Noi avevamo già in passato raccomandato che si facessero scelte condivise e coordinate sul territorio. E’ stato fatto il contrario, con una scelta nient’affatto frutto della concertazione. A questo punto  occorre che il Comune chiarisca un piano dettagliato in merito a come i soldi incassati dalla tassa di soggiorno saranno poi utilizzati sul territorio. Non vorremmo che con quel denaro il Comune finanziasse lavori o iniziative che in realtà devono già essere eseguiti a prescindere. E al proposito occorre far rilevare che, a tutt’oggi, nonostante i ripetuti solleciti, resta da provvedere alla concertazione e pubblicazione di un calendario online degli eventi cittadini”.
“Bisogna far chiarezza sulle voci apparse in modo improprio al riguardo di un parere delle associazioni del sistema Confcommercio che in qualche modo avrebbero addirittura sollecitato il Comune ad applicare la tassa di soggiorno. Ma così non è – dice Armando Erbì, direttore di Conitours -. Non siamo masochisti e non andiamo a sollecitare una tassa in più che sicuramente andrà a gravare sulla gestione quotidiana dell’impresa turistica. Inoltre crea un discrimine tra le imprese turistiche di Cuneo e quelle del territorio, delle città vicine. Anche perché qualcuno potrebbe fare al contrario e dire: venite da noi che qui non si paga la tassa di soggiorno. Il sistema Conitours, che fa parte di Confcommercio, ricorda quanto già detto circa due anni fa: la discussione non è mai stata tassa sì o tassa no, ma piuttosto se tassa deve essere, che sia di sistema Atl, ossia che comprenda tutti i Comuni che ne fanno parte. Certo il buon senso consigliava l’applicazione dell’eventuale tassa di soggiorno a partire dal 1 gennaio 2019, farla decorrere a stagione in corso creerà problematiche alle strutture che hanno definito offerte alla clientela aziendale e/o ai gruppi organizzati. Inoltre, se tassa sarà, è opportuno che il Comune di Cuneo chiarisca su quali iniziative saranno convogliate le risorse e che una parte di esse ritornino alle organizzazioni ed ai consorzi degli imprenditori per progetti di valorizzazione del sistema turistico e ricettivo”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.