La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 13 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

L’ora della verità sulla gestione dell’acqua

Oggi pomeriggio i 250 sindaci della provincia di Cuneo decideranno sulla gestione dell'acqua per i prossimi 30 anni

La Guida - L’ora della verità sulla gestione dell’acqua

Cuneo – Oggi mercoledì 28 marzo in Provincia si tiene un doppio incontro per la scelta di quale tipo di società unica gestirà tutto il ciclo idrico integrato della Granda per i prossimi trent’anni: tutta pubblica, tutta privata o con sistema misto.  Alle 14,30 si riunirà in Sala Giolitti la Conferenza d’ambito, cioè i 23 rappresentanti della Granda che siedono nell’organo di governo del ciclo idrico per la verifica dei pagamenti pregressi e il controllo degli investimenti realizzati nel periodo 2007-2016 dagli attuali 12 gestori del servizio idrico. Alle 16,30 al Centro Incontri  si tiene l’Assemblea dei sindaci per esprimere un voto sul modello gestionale, un voto che è stato già rinviato dall’8 marzo scorso.
E ai sindaci fa appello il Comitato Acqua Bene Comune: “Sindaci non tradite i vostri cittadini. Ci permettiamo di portare alla attenzione dei sindaci delle aree del Saviglianese, del Roero, delle Unioni Montane Alta Langa e del Monteregale le percentuali con cui i loro concittadini votarono contro ogni forma di gestione privata nel referendum del 12 giugno 2011”.

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.