La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 16 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Domenica pomeriggio a teatro

In scena al Toselli il 25 febbraio lo spettacolo per bambini "Il viaggio di Giovannino"

Una scena tratta da "Il viaggio di Giovannino", nella quale si vede il volto di un clown, appoggiato su una valigia

 

Cuneo – Narrazione, pantomima e clownerie sono gli ingredienti dello spettacolo “Il viaggio di Giovannino” che la compagnia “I fratelli caproni” di Milano porta in scena al Toselli il 25 febbraio, alle 17,30, per l’ultimo appuntamento della rassegna delle “Domeniche a teatro” per bambini e famiglie.
Tratto da “Le avventure di Giovannino Perdigiorno” di Gianni Rodari e scritto da Alessandro Larocca e Andrea Ruberti, l’allestimento è una pièce divertente e poetica incentrata sul tema del viaggio come esperienza di vita e dell’incontro, visto come apertura a razze e culture diverse.
Giovannino Perdigiorno, interpretato da Andrea Ruberti, è un grande viaggiatore, alla continua ricerca del paese perfetto, quello nel quale gli errori non esistono. Attraversando luoghi fantastici ed incontrando persone diverse, ogni volta egli impara qualcosa, comprendendo che l’esperienza del viaggio è più importante di qualsiasi perfezione, perché fa crescere.
Lo spettacolo è adatto ad un pubblico dai sei anni di età.
L’ingresso costa 6 euro (5 sotto i 10 anni, gratuito sotto i 3).

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.