La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 23 maggio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Donato un televisore all’ospedale di Mondovì

L'apparecchio collegato ad un ecografo consentirà la visione dell'esame ginecologico in diretta

La Guida - Donato un televisore all’ospedale di Mondovì

Mondovì – L’ambulatorio di Ecografia Ostetrico–Ginecologica e Diagnosi Prenatale dell’ospedale di Mondovì é stato dotato di un televisore che, collegato all’ecografo, consente alle signore e ai propri accompagnatori la visione dell’esame ecografico eseguito dal medico. Tale sistema permette inoltre di facilitare l’attività didattica in campo ecografico, rivolta sia ai medici sia alle ostetriche. L’apparecchio è stato regalato dalla dottoressa Valentina Zaltron come ringraziamento per l’alta qualità del servizio offertole dal reparto. Parole riconoscenti quelle di Rosalba Giacchello, responsabile della struttura, che ringrazia di cuore, con i suoi collaboratori, chi ha contribuito ad arricchire la dotazione tecnologica dell’ambulatorio ecografico di Mondovì che, alla fine del 2017, aveva già ricevuto un apparecchio ecografico di ultima generazione. Le donazioni che sono state fatte offrono la possibilità di lavorare meglio e quindi di garantire all’utenza prestazioni di qualità diagnostica sempre maggiore in un settore, quello ostetrico e ginecologico, tanto importante per la salute di ogni donna.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.