La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 16 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Gli ambientalisti cuneesi dicono no all’espansione dell’area Miac

Lettera aperta delle associazioni contro il Pec approvato per nuovi insediamenti: "Basta con il consumo di suolo, pretendiamo rispetto per l'ambiente"

La Guida - Gli ambientalisti cuneesi dicono no all’espansione dell’area Miac

Cuneo – Ambientalisti contro le scelte per il futuro dell’area Miac: le sezioni cuneesi di Legambiente e Pro Natura, con il comitato cuneese Salviamo il paesaggio, dicono no al consumo di suolo e in una lettera aperta stigmatizzano le scelte compiute dall’amministrazione comunale del capoluogo per l’ampia zona, alle porte della città, che ospita il mercato all’ingrosso di bestiame e che si prepara all’espansione con nuovi insediamenti produttivi.
Nella loro accusa contro il “consumo di suolo senza fine”, le associazioni ambientaliste puntano il dito contro Cuneo che “non fa eccezione”, a loro giudizio: “L’amministrazione comunale, che dichiara a parole di voler ridurre il consumo di suolo, di fatto dà via libera a nuove costruzioni di capannoni nell’area prossima al Miac, per un totale di ben 106.000 mq edificabili in un Pec (Piano di edilizia convenzionata; ndr) di 177.000 mq. Quale reale giustificazione ha una simile decisione, se non quella di fare cassa (circa cinque milioni di euro)? Dove sta la lungimiranza di un’amministrazione pronta invece a farsi parte attiva (il Comune è socio del Miac, che realizzerà con Fincos e Porta Rossa il nuovo insediamento) di un’operazione nefasta a fronte di una miriade di edifici vuoti, capannoni compresi?”.
I rappresentanti degli ambientalisti cuneesi chiedono anche che venga fatto “un censimento serio del già costruito e non utilizzato in base al quale ricalibrare la progettazione urbanistica sul recupero e riutilizzo dell’esistente”, per evitare una nuova erosione della risorsa suolo. “Dal legislatore fino all’amministratore locale pretendiamo una ben diversa sensibilità”, conclude la lettera aperta.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.