La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 18 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

L’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo è tra le migliori del Piemonte

Lo conferma l’ultimo studio di Agenas, l’agenzia nazionale della sanità

La Guida - L’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo è tra le migliori del Piemonte

L’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo è tra le migliori del Piemonte. Lo conferma l’ultimo studio di Agenas, l’agenzia nazionale della sanità, “Valutazione della performance delle aziende ospedaliere pubbliche”.
Lo studio prende in analisi tutte le regioni d’Italia e mette a confronto i dati 2019 e 2021 secondo i monitoraggi previsti dal ministero in cinque aree (accessibilità, governance, sostenibilità economica, personale, investimenti). Per il Piemonte sono sei le aziende prese a confronto: tre ospedaliere (Santa Croce e Carle di Cuneo, Mauriziano di Torino, e Alessandria) e tre universitarie (la Città della Salute e Scienza di Torino, l’Ospedale Maggiore della Carità di Novara, e il San Luigi Gonzaga di Orbassano).
E Cuneo ne esce piuttosto bene, prima in quasi tutti i parametri, di gran lunga migliore davanti al Mauriziano, alla Città della Salute e a Novara.
Sull’accessibilità (cioè i tempi di attesa di interventi chirurgici e pronto soccorso) mentre il Piemonte registra una performance di livello medio-basso e in peggioramento dal 2019 al 2021 l’unica eccezione è del Santa Croce che in entrambi gli anni mostra un livello di performance alto dovuto sia al rispetto dei tempi di attesa per gli interventi chirurgici sia ad una buona accessibilità in pronto soccorso.
Nella governance dei processi organizzativi, il voto è medio per tutte le aziende compreso Cuneo con livelli medio-alti di appropriatezza ed efficienza ma bassi sull’attrattività di pazienti fuori regione. Nell’area degli investimenti su tecnologica e strutture la migliore performance è ancora di Cuneo. Per quanto riguarda la sostenibilità economico-patrimoniale il Piemonte è a un livello medio ma Cuneo è in fascia medio-alta con performance molto alte nell’attività intramoenia (cioè la libera professione fatta al di fuori dell’orario di lavoro dai medici di un ospedale nelle stesse strutture pubbliche, a fronte del pagamento da parte del paziente di una tariffa che va in parte al medico e in parte all’ospedale).
Note dolenti sul personale con un evidente peggioramento tra il 2019 e il 2021, dovuto a una riduzione delle assunzioni e del numero di medici e infermieri per posto letto. Un lieve peggioramento si riscontra anche nella qualità degli esiti di cura, che si mantengono comunque a un livello tra medio e molto alto. Nella valutazione delle aree cliniche standard ministeriali a Cuneo si fanno registrare eccellenze sull’area gravidanza e parto (19,5% del volume di attività) e sulla chirurgia generale (5% di attività); livelli alti sull’area del sistema nervoso (15,3%) e la chirurgia oncologica (5%); livelli medi l’area cardiocircolatoria (23,9%), del sistema respiratorio (17,4%) e del sistema osteo muscolare (13,9%).

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente