La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 24 febbraio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Saltano i fondi del Pnrr per la sanità del territorio

A rischio è anche il nuovo ospedale di Cuneo

La Guida - Saltano i fondi del Pnrr per la sanità del territorio

Cuneo – Il Pnrr per la sanità  rischia di saltare tutto o quasi. E nel “pacchetto” il sempre più incerto nuovo ospedale di Cuneo rischia di saltare in modo definitivo e non solo di ritardare.
Il Piano rivisto dal Governo Meloni con grandi ritardi fa slittare le costruzioni di ospedali e case di comunità e centrali operative (tra cui le 14 case, 5 ospedali di comunità e 6 centrali operative nella provincia di Cuneo) non più sui fondi europei del Pnrr ma sui fondi nazionali per l’edilizia sanitaria, che rimarranno vuoti per la costruzione dei nuovi ospedali. Questo significa che i fondi nazionali sarebbero tutti impegnati, compresi quelli per l’ospedale di Cuneo che, sebbene cerchi appoggio nel partenariato pubblico privato, dai fondi statali articolo 20, ovvero il fondo per l’edilizia sanitaria, ha bisogno di almeno un terzo dei soldi che servono. Per il nuovo Santa Croce e Carle così come è stato pensato a Confreria significano almeno 140 milioni di euro.
Il piano del Governo prevede l’uso del denaro ex articolo 20 per 414 case di comunità su un totale di 1.350, 76 centrali operative territoriali su 600 e 96 ospedali di comunità su 400. un terzo delle strutture peserebbero sui fondi statali, cioè 36 strutture in Piemonte. Ma proprio in Piemonte l’assessore regionale Luigi Icardi ha spiegato che“i fondi dell’articolo 20 sono già tutti destinati e ci sono molte progettazioni già in corso” per questo non è possibile spostare risorse sulle strutture del Pnrr, perché ci sono da pagare progetti, investimenti, partenariati già di procedure in corso. Per il Piemonte il fondo edilizia sanitaria è di oltre 730 milioni ma è già tutto impegnato. Inoltre si aggiunge il problema sui trasferimenti al Piemonte del riparto del Fondo nazionale sanitario 2023, decurtati di circa 400 milioni di euro.
Una pesante spada di Damocle sul futuro del nuovo Santa Croce e Carle che rimette in discussione molte cose e anche diverse scelte già fatte. Tra queste probabilmente si ripensa anche all’apportunità o meno di una costruzione completamente ex novo o se ritornare a pensare a una ristrutturazione complessiva. Su questo fronte continunao a spingere per esempio le opposizioni in consiglio comunale a Cuneo, ma forse non solo.
Il ritardo dell’analisi della proposta del privato, la Inc. Spa, da parte del nuovo commissario Livio Tranchida e la dichiarazione di pubblico interesse che non arriva così come la convocazione della Conferenza dei Servizi sembrano proprio “figlie” di tutta questa incertezza. A partire dalla copertura economica che la Regione dovrebbe dare, ma non può farlo, per il progetto del nuovo ospedale che ancora una volta rischia di essere soltanto un annuncio elettorale.

 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente