La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 12 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Fontane pubbliche, il chiarimento del sindaco di Peveragno

Le nevicate di fine inverno hanno irrobustito le sorgenti ma le falde profonde sono impoverite da due anni di siccità

La Guida - Fontane pubbliche, il chiarimento del sindaco di Peveragno

Peveragno – Fontane pubbliche si, fontane pubbliche no. Anche a Peveragno tiene banco la disputa tra chi vorrebbe che le fontane rimanessero sempre aperte e coloro che invece, al cospetto di una annunciata crisi idrica, ne auspicherebbero la chiusura.

Facendo seguito alla richiesta di alcuni cittadini, è arrivato il chiarimento del Comune in merito alla fornitura di acqua per l’acquedotto e l’apertura dei rubinetti pubblici.

“Le nevicate di fine inverno –  spiega il sindaco – hanno irrobustito le nostre sorgenti, che per qualche tempo hanno avuto e hanno ancora acqua, tanto che nelle tinelle di accumulo sulle colline in molti casi si assiste all’uscita dal troppo pieno. Significa che in questo momento la montagna ci dà più acqua di quanta ce ne serve. Quindi è possibile tenere aperte le fontane pubbliche, visto che l’acqua in sovrappiù viene comunque restituita ai torrenti con i troppo pieno delle vasche, e quindi non ne stiamo sprecando. Ciò non vuol dire che ci sarà acqua sicura per l’estate. L’innevamento attuale è quello che servirebbe a maggio, non adesso, e le falde acquifere profonde sono impoverite da due anni di siccità. Sarà logico prevedere una crisi per mancanza d’acqua anche prima delle altre estati, salvo che le piogge primaverili ci salvino nei prossimi due mesi”.

Se continuerà a non piovere in primavera, anche per l’agricoltura si prevedono problemi. Le dighe che alimentano i consorzi irrigui e le falde acquifere da cui attingono i pozzi, non hanno infatti recuperato dalla scarsità di acqua dei due anni passati. “Quando il gestore dell’acquedotto (Acda) – conclude il primo cittadino – ci comunicherà che le nostre sorgenti inizieranno a dare meno acqua, sarà il momento di tornare a chiudere in parte o del tutto le fontane”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente